fbpx

Manuale Xx

Applicazioni uniche per artisti e musicisti

Questo manuale di riferimento fornisce una documentazione dettagliata delle funzioni, caratteristiche, comportamenti e interfaccia utente di Xx. Non è inteso per essere letto dall'inizio alla fine. Ogni sezione può essere rivista al bisogno per aiutare ad aumentare la vostra padronanza. Tuttavia, ci sono alcune cose che vale la pena capire quando si legge una qualsiasi di queste sezioni. 

MetaSynth+Xx Organizzazione generale

La suite di applicazioni MetaSynth+Xx è composta da due aree principali, la MetaSynth e l'applicazione Xx applicazione. 

Xx permette agli utenti di controllare MetaSynth Instruments con il MIDI e poi convertire queste informazioni nel mondo sonoro controllato dai pixel di MetaSynth per la produzione finale e il mixaggio. Un possibile flusso di lavoro è:

Xx può anche essere usato per creare file MIDI o audio per altri software con o senza MetaSynth Instruments.


USANDO XX

Panoramica

Xx permette agli utenti di suonare e modificare gli strumenti MetaSynth via MIDI. Il sequencing può essere eseguito disegnando note o suonando un controller MIDI. Contiene anche una serie di strumenti di sequenziamento per generare rapidamente composizioni, che possono poi essere esportate in MetaSynth per il mixaggio.

IMPOSTARE IL TUTTO

Xx è progettato per utilizzare la cartella Instruments CTX all'interno della cartella MetaSynth. Assicurati di installare la versione retail o demo prima di lanciare l'applicazione. Xx chiederà di selezionare la cartella al primo avvio.

STRUMENTI METASYNTH

Xx permette agli utenti di suonare e modificare gli strumenti MetaSynth. Questi includono una gamma di tipi di sintesi: un semplice sintetizzatore wavetable a singolo oscillatore, synth multi-oscillatore, il nostro unico synth granulare, sampler e multisampler. Questi strumenti sono stati progettati per essere amichevoli per la CPU, versatili e dal grande suono. Se non conosci gli strumenti MetaSynth, ascolta l'album di esempi MetaSynth+Xx di Eric Wenger: https://ericwenger.bandcamp.com/album/metasynth-xx-examples

Inoltre, gli strumenti MetaSynth quando sono usati in Xx hanno capacità aggiuntive che non hanno quando sono usati in MetaSynth. In particolare, i controller MIDI possono essere usati per controllare molti parametri del synth.

REGOLAZIONE DELLE PREFERENZE

Un certo numero di proprietà dell'applicazione e del progetto sono controllate dalle preferenze di Xx, comprese le impostazioni audio, interfaccia utente e MIDI. 

  • Preferenze audio - Dopo aver lanciato Xx, scegli il comando Preferences dal menu di Xx CTX o digitando command-comma. Scegli il tuo dispositivo di uscita audio e la frequenza di campionamento. Premi il pulsante Set Hardware Sample rate per assicurarti che il sample rate dell'hardware sia impostato correttamente.
  • Puoi attivare il caricamento delle unità audio selezionando la casella Enable Audio Units e riavviando Xx. Si raccomanda di esplorare inizialmente Xx con questa impostazione disattivata. Se non hai intenzione di usare i sintetizzatori Audio Unit, lasciarla disattivata velocizzerà il tempo di lancio. Per maggiori informazioni, vedi la sezione risoluzione dei problemi di questo manuale.
  • Preferenze UI - I temi dell'interfaccia utente, Velocity Colors e la disattivazione della sequenza Demo sono contenuti in questa sezione. La nuova opzione Playback AutoScroll controlla se la riproduzione in Xx scorre automaticamente per mantenere in vista il passaggio che sta suonando. Se cliccate nell'area di visualizzazione delle note, nell'area di selezione dell'intervallo di tempo o nell'area di scorrimento durante la riproduzione, Xx non scorrerà automaticamente. L'autoscorrimento è disattivato per impostazione predefinita.
  • Preferenze MIDI - Se hai intenzione di usare un dispositivo di input MIDI, apri le Preferenze scegliendo il comando Preferenze dal menu Xx o digitando comando-comma. Scegli qualsiasi dispositivo di ingresso MIDI che intendi usare dal popup Set Midi Input Device. Per default, il primo dispositivo nel menu è selezionato. Puoi abilitare tutti i dispositivi di input che vuoi.

L'INTERFACCIA UTENTE

Xx ha una finestra principale in cui fate la maggior parte del vostro lavoro, e finestre popup aggiuntive per l'editing con strumenti di sequencing e strumenti MetaSynth.

Visualizzazione del punteggio - L'area centrale o (area della tela delle note) è una familiare visualizzazione della sequenza di piano-roll dove la traccia di una nota è indicata dal suo colore. Nella parte inferiore del display della partitura c'è l'area di selezione delle misure dove puoi selezionare un intervallo di tempo. Le bande orizzontali grigie indicano le note che si trovano nella scala corrente. Le bande orizzontali nere sono note che non sono nella scala corrente. Quando inserite le note, esse sono vincolate alla scala corrente. Puoi cambiare la scala corrente in dodecafonica per rimuovere i vincoli delle note.

Area superiore dello strumento - L'area degli strumenti superiore contiene strumenti per impostare e visualizzare le tracce.

Area strumenti sinistra - L'area degli strumenti di sinistra fornisce una varietà di strumenti interessanti per inserire le note usando il mouse. Le note possono anche essere inserite da una tastiera MIDI usando la registrazione a passi o in tempo reale.(link di riferimento) 

Area inferiore dello strumento - La barra degli strumenti inferiore fornisce strumenti per manipolare le note delle tracce e i controlli di trasporto. (link di riferimento) 

Area ToolTips - in basso al centro della finestra visualizza informazioni su qualsiasi cosa si trovi sotto il mouse.

Xx Menu Picklist - Xx contiene diversi menu picklist che si attivano cliccando su un'icona. Vedi la sezione Menus di questo manuale per maggiori informazioni.

Barra dei menu Apple - Altri comandi di Xx possono essere trovati qui. Vedere la sezione Menus di questo manuale per ulteriori informazioni.

BASI DI TRACCE

Ogni traccia ha il suo colore e il suo dispositivo di uscita. Cliccando su un quadrato di selezione della traccia, questa diventa attiva. Il colore della traccia può essere cambiato usando il selettore di colore che si trova a destra dei quadratini di selezione della traccia. 

L'uscita di una traccia viene inviata al dispositivo indicato nel campo Track output nella barra degli strumenti superiore. Il dispositivo di uscita può essere un MetaSynth Instrument (Synths e Samplers), un synth MIDI, un synth Audio Unit, o uno dei synth General MIDI di Apple. 

Gli strumenti intelligenti di Xx (come il Random Music Generator) analizzano i dati dell'altezza e usano queste informazioni per influenzare la creazione delle note. A volte, avrai tracce (come quelle di batteria e percussioni) le cui note non comunicano realmente i dati dell'altezza. Per queste tracce, disattiva il pitch tracking cliccando sull'icona Track Pitch Filter Off. Questo protegge anche la traccia da manipolazioni algoritmiche che cambiano il pitch. Le tracce possono anche essere bloccate (il che le protegge dalla trasposizione accidentale) e nascoste.

Le impostazioni della traccia hanno quattro opzioni:

  • Traccia sbloccata, filtro pitch ON
  • Traccia sbloccata, filtro del pitch disattivato
  • Binario bloccato
  • Traccia bloccata e nascosta

La levetta Poly/Mono si usa per commutare le tracce tra le modalità Poly e Mono. In Modalità Poly, i comandi di editing possono influenzare altre tracce e incollare le note nella loro traccia originale - poiché le selezioni possono includere note da molte tracce diverse. In questa modalità, il tasto Caps Lock attiva la selezione multitraccia che rende facile selezionare le note da più tracce contemporaneamente. In modalità Mono, i comandi di editing sono applicati solo alla traccia attiva, e solo la traccia attiva viene ascoltata durante la riproduzione. Usa la modalità mono quando vuoi che tutte le modifiche siano limitate alla traccia corrente. 

Sopprimere il MIDI Program Change Quando si preme il pulsante play, Xx invia un messaggio di cambio programma a tutti gli strumenti MIDI e imposta il programma al numero indicato nel campo instrument number. Se non vuoi che Xx invii questo messaggio di cambio programma, deseleziona la casella Send Program Changes On Playback che appare a sinistra del campo Instrument number. 

SELEZIONARE LE TRACCE

Ci sono due tipi di selezioni: selezioni di note e selezioni di misure/intervalli di tempo. La maggior parte delle operazioni si applica alle note selezionate in via prioritaria, ma userà la selezione di misura se non ci sono note selezionate. Alcune operazioni, come Multi-Transform o Repeat Pattern (link), sono applicate solo alle misure selezionate (selezioni di intervallo di tempo).

Le note selezionate sono disegnate in giallo brillante, quindi evitate di usare il giallo brillante come colore della traccia.

Selezioni di intervalli di tempo. Per selezionare le misure, si clicca e si trascina nella barra del tempo che si trova sotto il display della partitura.

Le note possono essere selezionate in diversi modi. I modi più comuni di selezione sono:

  • Cliccando su un selettore di traccia che seleziona l'intersezione delle note della traccia e le misure selezionate.
  • Usando lo strumento Selection della palette Sequence Edit per trascinare una selezione (tenendo premuto il tasto shift si aggiunge ad una selezione esistente).
  • Cliccando su una nota esistente per selezionarla (facendo clic su una nota con il tasto shift si alterna la selezione).
  • Tenendo premuto il tasto di comando e trascinando sulle note (questa è una scorciatoia temporanea per usare lo strumento di selezione).
  • Selezionando le misure nell'area di tela inferiore, si selezioneranno anche le note situate all'interno della selezione di misure sulla traccia corrente.

Selezione multitraccia. Puoi attivare la selezione multitraccia con il tasto Caps Lock (o scegliendo MultiTrack Selection dal menu a comparsa Edit Sequence). Quando Multi-Track Selection è attiva (e Poly Mode è attivo), selezionando le misure si selezionano le note in tutte le tracce sbloccate e usando il Selection Tool si selezionano le note su tutte le tracce quando si trascinano le selezioni. In modalità Poly, Select All seleziona tutte le note su tutte le tracce indipendentemente dal fatto che Multi-Track Selection sia attivo.

Incollare le note in modalità Poly. In Poly Mode, le note vengono incollate nella traccia da cui provengono indipendentemente da quale traccia sia attiva (questo è necessario perché le selezioni possono includere note da tracce diverse). Per spostare una selezione su una traccia diversa, puoi copiare, attivare la modalità Mono (scorciatoia: w) e incollare. Oppure, puoi fare una selezione e scegliere una traccia di destinazione dal popup Transfer Selection To.

CLICK TRACK

Xx non ha un metronomo incorporato. Quando hai bisogno di una traccia click, usa una delle tracce come click-track poi usa il comando Choose and Repeat Pattern per scegliere un loop ritmico, o crea un beat loop usando il Multi-Generator. 

Un modo veloce per creare una traccia click è quello di usare la Beat Pen con un'impostazione della griglia di 120 e poi usare la ripetizione per creare tutte le misure di click di cui avete bisogno. 

Xx CTX viene fornito con un esempio di sequenza metronomica predefinita.

TRACCE AUDIO

Xx non ha supporto per i file audio né si sincronizza con altri sequencer, ma è possibile utilizzare uno strumento Sampler o MultiSampler per riprodurre tracce audio. Per fare questo:

1) Imposta il tempo in Xx al tempo della tua sequenza audio.

2) Esporta un mix delle tue tracce audio dal tuo sequencer audio host.

3) In Xx, crea uno strumento Sampler che utilizza lo scratch mix che hai creato.

4) Inserisci una nota nella sequenza Xx e impostala sulla durata della tua traccia audio.

5) Disattiva il Pitch Tracking per la traccia in modo che non interferisca con il pitch tracking di Xx. 

6) Opzionale: blocca e nascondi la traccia se non vuoi che appaia sullo schermo.

Ora, quando suonate la sequenza in Xx, sentirete la traccia audio. Puoi usare i mix di un'intera canzone o i mix di sezioni della canzone, e anche usare più campionatori.

Suggerimenti per lavorare con il metodo Sampler Track: 

1) Mescolare sezioni che iniziano e e ai confini della misura.

2) Assicuratevi che l'evento nota inserita usi la tonalità di riferimento assegnata al campionatore (per assicurarsi che non sia trasposta).

Usando tecniche simili potete usare un multisampler Metasynth per includere la registrazione delle voci in una composizione xx. Assegnate vari campioni a c1 fino a c8 per esempio. Usando c1 c2 fino a c8 nella traccia impostata per usare quel multisampler si attiverà poi ogni campione all'interno della sequenza.

MAPPATURA DEI TASTI E QUANTIZZAZIONE TONALE

Xx prende in considerazione la chiave e la scala corrente quando esegue la maggior parte delle sue azioni. Quando si usano i tasti freccia su e giù, per esempio, Xx spinge le note in alto o in basso alla prossima posizione della scala corrente piuttosto che spingere cromaticamente. Anche tutte le note che disegnate o registrate via MIDI saranno limitate ai tasti correnti (o alla tonalità). Queste restrizioni possono essere disattivate impostando la scala su dodecafonica o cambiando la modalità traccia su "pitch filter OFF". 

RIMAPPATURA ARMONICA

Xx permette di rimappare da una scala all'altra. Il modo in cui la rimappatura viene fatta dipende dal fatto che le due scale abbiano o meno lo stesso numero di passi. Se le scale hanno lo stesso numero di passi, Xx proietta semplicemente da una scala all'altra conservando il grado delle note (l'indice armonico). Per esempio, quando si passa da una scala di cinque note a un'altra scala di cinque note, la prima nota della scala 1 è proiettata alla prima nota della scala 2, la seconda nota della scala 1 è proiettata alla seconda nota della scala 2 e così via. Se le scale hanno un numero diverso di passi, Xx sceglierà la corrispondenza più vicina. Quando si mappano in una scala con meno note, la mappatura degli accordi può richiedere qualche pulizia manuale.

Patterns e mappatura armonica. Quando i pattern sono definiti, la definizione include la scala originale. Xx fa riferimento alla scala originale quando applica i pattern e rimapperà alla scala corrente se necessario. Quando si applica un pattern in una scala diversa da quella in cui è stato definito, Xx cercherà di preservare il grado della scala delle note se le scale hanno lo stesso numero di note. Quando si proietta da una scala di 7 o 8 note nello spazio di 12 toni, i valori originali delle note vengono mantenuti. Quindi, un accordo maggiore rimane un accordo maggiore. Quando si rimappa in una scala con più note dell'originale (ma meno di 12), l'offset della scala e la posizione dell'ottava sono mantenuti. Quando si rimappa in una scala con meno passi dell'originale, viene usato un algoritmo di corrispondenza più vicina.

GRIGLIA DEL TEMPO

Quando la griglia è attivata, le posizioni iniziali di tutte le note inserite sono quantizzate alla griglia. Questo include le note inserite dalla registrazione. Un'impostazione di 240 è un quarto di nota. La griglia è anche usata dagli strumenti di pattern e da alcuni altri per determinare la durata e la velocità delle note.

INSERIMENTO DI NOTE

Xx fornisce molti modi diversi per inserire le note. Quale metodo usare dipenderà dalle tue preferenze personali e da ciò che stai cercando di fare. La palette degli Strumenti Sequencer della barra degli strumenti di sinistra fornisce un certo numero di pennelli e penne per inserire le note. Questi strumenti includono tutto, da una semplice penna per note a un pennello per pattern, al generatore di musica basato sull'intelligenza artificiale e altro ancora. Potete anche usare i pattern per inserire interi temi in una volta sola, e il generatore di musica casuale per comporre automaticamente degli arrangiamenti.  

Alcune opzioni per l'inserimento delle note sono: 

  • Disegnare note con gli strumenti di disegno di Xx.
  • Suonare un controller MIDI per la registrazione di note in tempo reale.
  • Utilizzo di un controller MIDI per l'inserimento di passi non in tempo reale.
  • Usare il multigeneratore.

DISPOSITIVI MIDI

Per impostazione predefinita, Xx usa il primo dispositivo di ingresso MIDI disponibile. Nella finestra di dialogo Preferences, il menu a comparsa Set MIDI Input Device ti permette di abilitare qualsiasi dispositivo di input MIDI che vuoi usare se il tuo dispositivo di input MIDI preferito non è quello di default.

Xx esegue la scansione dei dispositivi di input MIDI quando si avvia. Se connetti la tua tastiera o interfaccia dopo che Xx è stato lanciato, dovrai uscire da Xx e rilanciarlo. Xx registra informazioni su note on/off, cambi di programma e di banco e controller. Non registra o riproduce informazioni di MIDI pitch bend o system exclusive.

L'ingresso MIDI viene automaticamente rimappato per adattarsi alla scala corrente se il Pitch Filter della traccia è On (che è il default). Quando la griglia è attivata, le "note on" dell'ingresso MIDI sono quantizzate alla griglia. Per disattivare la rimappatura, imposta la scala su dodecafonica (12 toni) o imposta il Pitch Filter su Off cliccando sull'icona. Tutto l'input viene registrato sulla traccia che è attiva quando inizia la registrazione.

In assenza di una tastiera MIDI, si può "suonare" la tastiera sullo schermo. Ci sono anche applicazioni shareware come MIDIKeys che ti permettono di usare la tastiera del computer come un dispositivo MIDI che può essere usato per l'input MIDI.

LAVORARE CON I MODELLI

I Patterns sono frasi musicali o ritmiche memorizzate nella Pattern Library per un rapido accesso e inserimento. Hanno molte applicazioni. Se usati con il comando Repeat Pattern, possono essere variati per adattarsi alle altre tracce o usati per ripetere un pattern ritmico e possono simulare il comportamento di un arpeggiatore.

Per inserire il pattern corrente nella partitura, scegliete lo strumento Pattern dalla palette degli strumenti del Sequencer sul lato sinistro e cliccate nella partitura per inserire il pattern.

Per cambiare il modello corrente fate doppio clic sullo strumento Pattern per aprire la finestra di dialogo Pattern.

Per ripetere un modello per riempire un intervallo di tempo, fare una selezione di intervallo di tempo e scegliere il comando di menu Pattern -> Scegliere e ripetere il modello. Se avete già scelto il modello che volete ripetere, usate Pattern -> Ripetere il modello. Il Choose & Repeat Pattern fornisce diverse modalità che determinano se il pattern viene inserito esattamente come inserito o se viene riarmonizzato per adattarsi alle tracce esistenti. Vedere la sezione Pattern Menu di questo manuale per maggiori dettagli.

Quando si applicano i pattern, il tempo viene scalato in base alle impostazioni correnti della griglia. Quando la griglia è 240, il tempo del pattern è lo stesso dell'originale. Se la griglia è 120, per esempio, il motivo viene riprodotto due volte più velocemente dell'originale. Se la griglia è 480, il motivo viene riprodotto due volte più lentamente dell'originale.

Potete creare nuove librerie di pattern e cambiare la libreria in uso usando i comandi New Patterns, Load Patterns e Save Patterns del menu Pattern. Le librerie di motivi possono avere fino a 128 motivi.

Per aggiungere il proprio pattern alla libreria di pattern, seleziona le note nella partitura e scegli Pattern -> Add Pattern from Selection. Nota che i pattern contengono solo note della traccia corrente.

MIXAGGIO E RENDERING DEL FILE AUDIO

Le sequenze possono essere rese come un file audio o come una serie di "steli". I file saranno renderizzati nel formato impostato nel pop-up delle preferenze. Il rendering viene eseguito in tempo reale.

  • Rendering del file audio stereo - Imposta la modalità Poly/Mono su Poly e clicca su "Mix to Disk as". Seleziona una posizione e dai un nome al file.
  • Rendering di tutte le tracce su file -  Imposta il pulsante della modalità Poly/Mono su Poly e clicca sul picklist del menu Xx File e seleziona Render All Tracks.
  • Rendering della traccia selezionata su file - Seleziona l'icona della traccia desiderata, imposta il pulsante della modalità Poly/Mono su Mono e clicca su "Mix to Disk as". Seleziona una posizione e dai un nome al file.

INTERFACCIA UTENTE E STRUMENTI

Panoramica

Xx contiene un'interfaccia principale, un'area di controllo nascosta che può essere rivelata, menu a lista e diverse finestre popup.

SUGGERIMENTI PER L'INTERFACCIA UTENTE

Ci sono una serie di trucchi per imparare Xx e snellire i flussi di lavoro per una composizione rapida.

ToolTips

L'area di suggerimento degli strumenti in basso al centro della finestra mostra informazioni su qualsiasi cosa si trovi sotto il mouse. Alcuni strumenti come la tavolozza degli strumenti o la modalità di blocco della traccia sono raggruppati in set di strumenti e il tooltip indicherà il nome dello strumento attualmente attivo all'interno del set. I tasti modificatori come opzione, controllo o comando possono modificare il testo del tooltip se è disponibile un comportamento alternativo. Nota: i tooltip non sono disponibili in modalità schermo intero.

Tasti di scelta rapida

A meno che non sia indicato il tasto di comando, i tasti di scelta rapida sono digitati senza il tasto di comando. Le scorciatoie a un solo tasto sono riecheggiate nei nomi delle caratteristiche del menu sotto parentesi e spesso incluse nei tooltips. Vedi la sezione Menu per maggiori dettagli.

Inserimento dei valori

Quando digitate in uno qualsiasi dei campi di Xx, dovete premere il tasto Return/Enter per completare l'inserimento. Per aumentare la precisione dei campi in virgola mobile usate il tasto option.

FINESTRA PRINCIPALE E PANORAMICA DELL'AREA

Xx ha una finestra principale in cui si fa la maggior parte del lavoro.

Area superiore degli strumenti 

La sezione contiene i menu dell'UI, i pop up delle icone e le impostazioni globali della sequenza

Assicuratevi di usare il menu a comparsa e i tasti di scelta rapida Xx piuttosto che il menu Apple - in quanto forniscono un set di funzioni più completo. 

Il menu Pattern, in particolare, fornisce diversi comandi molto utili per lanciare strumenti di generazione e manipolazione di sequenze.

Area tracce e strumenti

Questa barra degli strumenti contiene opzioni per impostare, nominare, selezionare e visualizzare le tracce. Inoltre, per selezionare gli strumenti, inclusi i MetaSynth Synth e i Sampler. La maggior parte di questi sono attributi della traccia e cambiano quando viene selezionata un'altra traccia.

Note Area Strumenti

La barra degli strumenti di sinistra fornisce una varietà di strumenti interessanti per inserire le note usando il mouse. Le note possono anche essere inserite da una tastiera MIDI usando la registrazione a passi o in tempo reale.

Nota Area di visualizzazione del punteggio

L'area centrale è una familiare visualizzazione della sequenza di piano-roll dove la traccia di una nota è indicata dal suo colore. In fondo al display della partitura c'è l'area di selezione delle misure dove puoi selezionare un intervallo di tempo cliccando e trascinando nelle caselle delle misure. Le bande orizzontali grigie indicano le altezze che sono nella scala corrente. Le bande orizzontali nere sono note che non sono nella scala corrente. Quando inserisci le note, queste sono vincolate alla scala corrente quando il filtro per le altezze è attivo. Puoi cambiare la scala corrente in dodecafonica per rimuovere qualsiasi vincolo di nota o impostare la modalità traccia su Pitch Filter OFF.

Controlli di navigazione e trasporto

Il Note Score può essere navigato cliccando su Measure Markers, Timeline Scroller, Zoom In/Out, Drag Hand o Transport controls. Zoom Out per vedere lo scorrimento completo con un marcatore di misura, seleziona una misura, poi Zoom In per modificare le note.

Strumenti di modifica

La barra degli strumenti inferiore fornisce strumenti per manipolare le note delle tracce.

Area di controllo

Quest'area è inizialmente nascosta. Cliccando sul pulsante Show Controllers si visualizzeranno gli strumenti di controllo e si aprirà un'area di disegno nella parte inferiore dell'area Note Score.

DETTAGLI - AREA SUPERIORE DELLO STRUMENTO

Quest'area contiene i menu della lista di scelta, le impostazioni dello strumento e le impostazioni della traccia. Imposta anche la modalità/scala, il tempo e apre le impostazioni del controller.

Elenco delle chiavi

Definisce la base della chiave musicale. La chiave di base e la scala definiscono il chiavi (o tonalità) della sequenza come per esempio A Minor o C Major.

Dopo aver cambiato la chiave di base vi viene chiesto di rimappare o meno la partitura corrente. La rimappatura quando si cambia la chiave di base sarà semplicemente una trasposizione della musica alla nuova chiave.

Picklist della modalità di scala

Questo menu a comparsa fornisce un accesso rapido alle scale comuni (maggiore, minore, ecc.) e permette di definire le proprie scale usando scale personalizzate. Quando usi Harmonic Transpose o i tasti freccia su/giù, le note vengono spostate all'interno della scala corrente. A differenza di MetaSynth, Xx è basato sul MIDI e le definizioni delle scale sono limitate a sottoinsiemi delle 12 note della scala temperata.

Dopo aver cambiato la scala (o il modo) ti viene richiesto di rimappare o meno la partitura corrente. La rimappatura assicurerà che tutte le note della musica appartengano alla nuova scala. 

Puoi dire di no e non eseguire la rimappatura globale e usare il comando tuning menu->remap selection to Tonality (link) su una selezione di note per limitare la portata della nuova scala solo a una parte del pezzo.

Campo di marcatura della misura

L'impostazione della marcatura delle misure determina l'intervallo di misura segnato da linee luminose nel display della partitura. È per lo più visiva, ma imposta la lunghezza predefinita dello strumento di inserimento delle battute.

Tempo (BPM) Campo

Il tempo della sequenza in battiti al minuto.

Battiti per misura 

Questa impostazione determina il numero di battiti per misura, di solito 4 o 3 o 6. Questo definisce la metrica del pezzo. 

In xx un beat è di 240 tick. Il tick è il grano di tempo più piccolo della partitura xx. Così in 4:4 (quattro battute per misura) una misura completa sarà 960 tick e 720 tick in 3 battute per misura. Questo è utile quando si impostano i valori della griglia. 

Strumenti per le impostazioni della traccia

Questi strumenti determinano le impostazioni per le tracce attive. La maggior parte di questi strumenti si applica alla traccia attualmente attiva. Per rendere attiva una traccia, clicca sul suo quadrato di selezione colorato.

Mute/Unmute Track

Clicca su questa icona per mettere o togliere l'audio alla traccia. Le tracce silenziate non verranno riprodotte.

Nome della traccia

Se una traccia ha un nome, viene visualizzato qui. Ai vecchi file con nomi di traccia vuoti verrà dato un nome di default "Track N". Per modificare il nome della traccia, clicca nel campo del nome della traccia e digita il testo che vuoi. Usa return quando hai finito. Puoi digitare il nome direttamente nella casella di testo. Puoi anche fare control-click per far apparire un menu standard di modifica del testo per copiare e incollare.

Picklist dell'uscita della traccia

La lista di scelta dell'uscita della traccia è usata per scegliere dove le note della traccia sono inviate. Le tracce possono essere inviate a uno strumento MetaSynth (i sintetizzatori nativi incorporati di Xx), un sintetizzatore Audio Unit, il sintetizzatore General Midi (GM) incorporato di Apple o un'uscita MIDI che punta a un dispositivo MIDI fisico o virtuale.

Opzioni del menu principale

  • Synth incorporato (synth Apple GM) - Questo è il sintetizzatore General MIDI incorporato di Apple MacOS. Il QuickTime Synth è abbastanza a bassa risoluzione e non richiede molta CPU.
  • Strumenti MetaSynth - Gli strumenti MetaSynth sono forniti dalla libreria MetaSynth CTX (Synths and Samplers). Includono una grande varietà di metodi di sintesi e sono molto efficienti in termini di utilizzo della CPU. Questi strumenti includono synth wavetable, FM, pulse-width modulation e multi-sampler. Vedi la Guida agli strumenti MetaSynth per informazioni e tutorial relativi agli strumenti MetaSynth.
  • Uscita MIDI - Questo sottomenu elenca tutti i dispositivi MIDI che fanno parte della tua configurazione Audio MIDI Setup. Questo è anche disponibile nel popup Preferenze.
  • Unità audio - Questo sottomenu elenca i vostri sintetizzatori Audio Unit. Usate questa modalità Audio Unit quando volete che ogni traccia usi la propria istanza di un'unità audio. Quando usate questa modalità, ogni istanza è separata e ricorda la patch che è stata usata per ultima. In questa modalità, i numeri di programma MIDI non vengono usati per impostare il programma all'inizio della riproduzione poiché la patch è memorizzata con la traccia.
  • Unità audio multitimbrale - Questo sottomenu elenca i vostri sintetizzatori Audio Unit che possono essere usati in modalità MultiTimbral per synth che sono impostati per avere diversi programmi (timbri) su diversi canali. Quando scegliete un synth dal popup MultiTimbral viene creata solo un'istanza. Alcune unità audio (come la Synful Orchestra) possono essere impostate in modo che diversi canali MIDI suonino suoni diversi ma condividano un setup globale. Tali synth possono suonare timbri diversi su canali diversi. Spesso è più efficiente per la CPU caricare un'istanza di tali synth e usare tracce diverse per i diversi timbri piuttosto che creare una nuova istanza per ogni traccia. 

Opzioni del sottomenu

Questa lista presenta gli strumenti caricati e dà agli utenti la possibilità di sfogliare.

  • Aprire... - scegliete questo comando per far apparire un dialogo di selezione di file per aprire un file di strumenti MetaSynth. Questo comando è utile per accedere a strumenti che non sono memorizzati nella cartella Instruments CTX.
  • Sfogliare i sintetizzatori - scegliete questo comando per far apparire un menu degli strumenti che si trovano nella cartella Instruments CTX. Questo popup è costruito dinamicamente dal contenuto della libreria Instruments CTX. Poiché è costruito dinamicamente, se aggiungi uno strumento mentre usi MetaSynth, sarà disponibile dal popup Browse Instruments in Xx senza bisogno di riavviare Xx. Gli alias non sono seguiti quando si costruisce il popup di browse per ragioni di performance.
  • Sfogliare i campionatori - scegliete questo comando per far apparire un menu degli strumenti che si trovano nella cartella Instruments CTX. Questo popup è costruito dinamicamente dal contenuto della libreria Instruments CTX. Poiché è costruito dinamicamente, se aggiungi uno strumento mentre usi MetaSynth, sarà disponibile dal popup Browse Instruments in Xx senza bisogno di riavviare Xx. Gli alias non sono seguiti quando si costruisce il popup di browse per ragioni di performance.

Tagliare gli strumenti MetaSynth inutilizzati (non menu)

Quando un documento Xx viene aperto, Xx cerca di leggere tutti gli strumenti MetaSynth che sono referenziati nel documento Xx. Ogni volta che uno strumento viene usato, Xx ne memorizza una copia nel documento e lo elenca nella lista degli strumenti caricati. 

Nota: è possibile che un documento Xx contenga riferimenti a strumenti che non sono più utilizzati. Per esempio, se usi "My Instrument A" per una traccia ma in seguito assegni "My Instrument B" alla traccia, Xx manterrà un riferimento a "My Instrument A". Questo è utile perché mantiene il riferimento nel caso tu voglia usare quello strumento in seguito. Ci sono volte, tuttavia, in cui potresti aver rinominato o spostato un multisampler; in questo caso, i campioni di My Instrument A non saranno trovati e Xx restituirà un errore quando aprirai il documento. Se questo accade, puoi rimuovere i riferimenti agli strumenti inutilizzati facendo come segue:

1) Aprire il documento

2) Riprodurre una parte della sequenza. (Questo è necessario perché Xx scansiona il documento per gli strumenti inutilizzati la prima volta che viene riprodotto)

3) Cliccate con l'opzione sul popup dello strumento MetaSynth.

4) Salvare il documento.

Inviare i cambiamenti di programma alla riproduzione Casella di controllo

Normalmente, Xx invia un evento di cambio programma (il valore mostrato nel campo numerico Instrument) ai dispositivi di uscita MIDI e alle AU quando inizia la riproduzione. Disattiva questa casella di controllo se non vuoi che Xx invii l'evento di cambio programma.

Strumento [Programma] Campo numerico

Questo campo indica il numero di programma associato alla traccia corrente. È il valore inviato come cambio di programma se la casella di controllo è attivata. I synth Audio Unit possono rispondere o meno a questa impostazione a seconda della loro configurazione o implementazione. Nota che un messaggio di controllo program change / Bank id presente nei controller può sovrascrivere questa impostazione.

Scegliere l'icona del menu a comparsa Instrument

Questo menu picklist ti permette di scegliere lo strumento o il numero di programma che sarà usato per suonare la traccia. Il contenuto dipende dal tipo di strumento. Per qualsiasi strumento MetaSynth, il menu mostrerà tutti gli strumenti MetaSynth caricati nella sessione, così come un comando Open e Browse dove è possibile scegliere uno strumento non già in uso. 

Per il Built-In (QuickTime) Synth, il popup mostra i programmi disponibili. Se è in uso un synth Audio Unit, il popup potrebbe mostrare i nomi dei programmi o una lista di numeri di programma, a seconda che il synth sia stato progettato per restituire i nomi delle patch (la maggior parte dei synth AU sembra non restituire la lista dei programmi).

Ci sono menu opzionali disponibili per caricare rapidamente gli strumenti. Control+Click per una lista di Synths, Control+Option Click per una lista di Samplers, Control+Click per una lista di Synths, o Option Click per rimuovere strumenti inutilizzati.

Icona Strumento Modifica

Clicca su questa icona per aprire la finestra di modifica dello strumento. Le finestre di modifica degli strumenti MetaSynth sono finestre fluttuanti. Quindi, puoi manipolare l'interfaccia utente di Xx mentre sono aperte. Spesso è una buona idea suonare in loop un paio di misure mentre si modifica un particolare strumento in modo da poter vedere immediatamente come suonano i cambiamenti nel contesto musicale reale.

Stato della modalità di tracciamento

Questa funzione controlla quali tracce sono visibili e modificabili dagli strumenti. 

Ci sono quattro stati possibili:

  • Traccia sbloccata, filtro Pitch ON - Questa è la modalità predefinita. Non ci sono restrizioni sulla traccia e le informazioni sull'altezza della traccia sono considerate quando gli strumenti intelligenti (come il Random Music Generator) analizzano il contenuto musicale.
  • Traccia sbloccata, filtro Pitch disattivato - Quando questa modalità è attiva per una traccia, l'informazione sul pitch viene ignorata dagli strumenti di analisi musicale di Xx. Alcune operazioni (come il Multi-Transform) che alterano il pitch non cambieranno il pitch. Questa modalità è di solito usata per tracce di batteria e percussioni che usano strumenti sampler/multisampler poiché le note che innescano i campioni sono di solito musicalmente irrilevanti.
  • Traccia bloccata - Questa modalità è simile al Track Pitch Filter OFF. Inoltre alcune operazioni come la trasposizione vengono ignorate. Bloccare la traccia non protegge la traccia da tutte le modifiche. Per esempio, è possibile incollare in una traccia bloccata. Il blocco della traccia disabilita anche l'esecuzione di selezioni e i tasti freccia non avranno effetto mentre la traccia è bloccata.
  • Traccia bloccata e nascosta - Questa modalità blocca la traccia (come descritto sopra) e nasconde la traccia. È spesso utile quando si compone per nascondere le tracce non suonate come la batteria o gli effetti sonori per una chiarezza armonica. Non dimenticare di nasconderle quando si eseguono modifiche strutturali multitraccia per includerle ancora nelle modifiche.

Padella predefinita

Visualizza il panning di default della traccia attiva corrente. Il panning o il bilanciamento stereo viene inviato alla traccia all'inizio della riproduzione. Nota che un controller di pan midi sovrascriverà questa impostazione. I sintetizzatori Audio Unit possono rispondere o meno a questa impostazione a seconda della loro configurazione o implementazione.

Volume predefinito

Il cursore del volume visualizza il volume di default della traccia attiva corrente. Il volume viene inviato allo strumento della traccia all'inizio della riproduzione. Nota che un controller del volume midi sovrascriverà questa impostazione. I synth Audio Unit possono rispondere o meno a questa impostazione a seconda della loro configurazione o implementazione.

Commutatore Poly/Mono (w)

Passa dalla modalità Poly alla modalità Mono e viceversa. In modalità Poly, le note su più tracce possono essere selezionate e l'incollaggio conserva l'origine della traccia per tutte le note. In modalità Mono, taglio/copia/incolla sono limitati alla traccia corrente. Se incolli quando la modalità Mono è attiva, tutte le note vengono incollate alla traccia corrente. In modalità Mono, durante la riproduzione si sente solo la traccia corrente.

Selezionatori di tracce 

La matrice di selezione delle tracce è una fila di 24 quadrati colorati che rappresentano le 24 tracce disponibili. Clicca su un quadrato per rendere selezionata una traccia e per definire la traccia attiva corrente. La maggior parte degli strumenti/display superiori sono impostazioni dipendenti dalla traccia.

Picker del colore della traccia 

Per cambiare il colore della traccia corrente, apri il selezionatore di colori cliccando sul selettore di colori che si trova alla destra dei selettori di traccia. Evita i gialli brillanti perché sono il colore delle note selezionate.

Selezione di trasferimento a 

Scegli una destinazione da questo popup per spostare le note selezionate su un'altra traccia. Questo comando offre un modo semplice e veloce per spedire varie parti di una melodia a varie tracce/strumenti. Puoi usare anche il copia e incolla, ma richiede più tempo perché devi cambiare la modalità mono/poly e impostare la linea di inserimento correttamente.

Mostra ottave On/Off

L'attivazione della visualizzazione delle ottave mostra "echi" verticali di tutte le note tre ottave sopra e sotto le altezze inserite. Questo è utile per visualizzare le relazioni armoniche tra i brani scritti in diversi intervalli di tonalità. È molto utile quando si compone per vedere come tutte le note delle tracce si relazionano tra loro anche se le note sono in ottave diverse. Tipicamente è spesso attivata quando si scrivono canoni o si fanno arrangiamenti su una sequenza di accordi esistente.

DETTAGLI: AREA STRUMENTI DI CONTROLLO

In alto a destra di Xx c'è l'area dei controllori. La maggior parte di essa è nascosta finché non si seleziona il pulsante Show Controllers. Una volta selezionato, tutte le icone degli strumenti appariranno così come l'area di editing nella parte inferiore dell'area di punteggio.

Mostra i controllori On/Off

Questa icona alterna la visualizzazione dell'area dei controller sotto il display delle note. Quando la visualizzazione dei controller è attiva, l'area dei controller mostra i controller usati dalla traccia corrente. Il controller selezionato viene visualizzato in arancione. Per cambiare il controller selezionato, usa il campo numerico Controller # o il menu a comparsa Controller #.

Strumenti dell'area di controllo

  • Regolatore del target di scala - clicca e trascina su/giù per scalare i valori del controller
  • Spostare il controllore del bersaglio - cliccare e trascinare su/giù per spostare i controllori selezionati verso l'alto o verso il basso.
  • Regolatore # popup - clicca sull'icona per far apparire un menu con gli id dei controller dei preset disponibili. Se lo strumento è uno strumento MetaSynth, verranno visualizzati i nomi dei parametri controllati dai controller.
  • Display numerico del controllore # - questo imposta l'id di destinazione del controllore che sarà visualizzato in arancione e modificabile con il mouse.

DETTAGLI: AREA UTENSILE SINISTRA

Quest'area contiene una varietà di strumenti per disegnare, autocomporre e randomizzare note e sequenze. Includono creatori di pattern, arrangiatori di canoni, cluster tonali, randomizzatori, ecc. Fai doppio clic sugli strumenti Pattern e Random per lanciare le impostazioni di configurazione.

Strumenti del sequenziatore

La tavolozza degli strumenti del sequencer. Quando si passa il mouse sopra la tavolozza, l'area ToolTips mostra il nome dello strumento attualmente selezionato.

Selezione (comando)

Uno strumento di selezione in stile marquee. Trascina un rettangolo per selezionare le note al suo interno. Normalmente, le selezioni sono limitate alla traccia corrente. Quando MuliTrack Selection è attivato (o con il tasto Caps Lock o scegliendo MultiTrack Selection dal popup Edit Sequence), le note su tutte le tracce sbloccate sono selezionate. Puoi richiamare temporaneamente lo strumento di selezione tenendo premuto il tasto di comando e trascinando - in modo da poter selezionare le note senza dover cambiare strumento. Puoi aggiungere a una selezione esistente tenendo premuto il tasto shift durante la selezione. Puoi anche passare a un'altra traccia (in modalità Poly) e selezionare con il tasto shift per aggiungere note da un'altra traccia. Shift-selection commuta la selezione. Quindi, può anche essere usato per de-selezionare le note all'interno di una selezione.

Lo strumento di selezione imposta anche la linea di entrata corrente. Un singolo clic del comando sulla tela imposterà quindi la linea di entrata qualunque sia lo strumento corrente. 

Gomma 

Quando questo strumento è attivo, cliccando su una nota la si cancella. Quando un altro strumento è attivo, puoi anche cancellare le note selezionate usando il tasto cancella o backspace.

Penna

Quando lo strumento Penna è attivo, si può cliccare ovunque per posizionare una nota. Clicca e trascina quando posizioni la nota per estendere la sua durata. Se la griglia è attiva, il posizionamento e la durata della nota sono quantizzati alla griglia. 

Clicca su una nota esistente per selezionarla. Tieni premuto il tasto shift quando selezioni una nota per aggiungerla alla selezione esistente. La selezione con il tasto Shift alterna la selezione. Quindi, può anche essere usato per deselezionare le note all'interno di una selezione. Non è possibile inserire una nota sopra un'altra. 

Quando si clicca su una nota selezionata si può spostare la nota (o le note) con il mouse. L'intonazione sarà quantizzata anche alla scala corrente, a meno che non si premano control e command - questo disattiva la rimappatura dell'intonazione.

Penna per accordi

Questa penna funziona come lo strumento penna ma aggiunge le note necessarie per completare una triade.

Battere la penna

Questa penna dipinge con un ritmo a impulsi che alterna una nota e uno spazio. La durata della nota e dello spazio è determinata dall'impostazione corrente della griglia. La lunghezza in misure del modello di impulso è impostata dal campo del segno di misura, solitamente impostato a 4.

Il pattern creato con la Beat Pen quando la griglia è impostata su 240 (un quarto di nota).

Strumento pennello

Clicca e trascina con questo pennello per dipingere liberamente delle note. Una scia di note viene lasciata lungo la traiettoria del pennello. La durata delle note è determinata dall'impostazione della griglia e dal percorso del pennello.

Note sullo spray

Clicca e trascina per spruzzare gruppi di note randomizzate. Le note sono limitate alla tonalità corrente e quantizzate alla griglia corrente.

Canone a due voci

Gli strumenti Two Voice e Three Voice canon creano canoni rigorosi in cui le voci sono separate da un intervallo di tempo e di altezza fisso. Gli strumenti canonici sono spesso usati insieme a "Show octaves ON" per visualizzare meglio le relazioni armoniche sotto o sopra una settima. Inserendo interattivamente le note mentre si vedono le altre voci, la creazione di canoni armonicamente giusti è abbastanza facile.

Clicca per piazzare una nota e lo strumento canone piazza la nota aggiuntiva (in un canone a due voci) o le note (in un canone a tre voci). In modalità Poly, le note aggiuntive sono collocate su tracce diverse. 

Quando si usano i Canon Tools, cliccando su una nota per selezionarla in una voce (o cliccando nella regione di selezione della barra) si selezioneranno le note corrispondenti sulle altre tracce del canone per semplificare l'editing. Fai doppio clic sull'icona dello strumento per far apparire la finestra di dialogo di impostazione che ti permette di impostare l'offset tra le voci. Lo stesso dialogo è usato per i canoni a due e tre voci. Per i canoni a due voci, Key Offset 2 è ignorato.

Canone a tre voci

Questo strumento crea un canone a tre voci. Vedi Canone a due voci sopra per maggiori informazioni sui canoni.

Canon Pitch Invert

Questo strumento crea una seconda voce invertita e trasposta dalla prima voce permettendoti di creare interattivamente una melodia che lavorerà in armonia con la sua versione speculare (contrappunto inverso). La trasposizione è definita dall'offset di chiave 1 impostato nel dialogo, quindi tipicamente se lo imposti ad una quinta ad un'ottava un C3 si specchierà in un G4. Come per gli strumenti canonici Canon Pitch invert è spesso usato in combinazione con "Show octaves ON" per visualizzare meglio le relazioni armoniche sotto o sopra una settima. Un classico contrappunto invertito userà un offset di chiave 1 di C a 1 ottava in modo che la fondamentale si specchi nella sua ottava. Fai doppio clic sull'icona dello strumento per visualizzare la finestra di configurazione.

Tempo di inversione di Canon

Con Canon Invert Time è possibile creare interattivamente una melodia che funzionerà in armonia con la sua versione invertita nel tempo (movimento retrogrado). Lo strumento crea automaticamente una seconda voce le cui note sono invertite nel tempo. La selezione della misura corrente viene usata per determinare i limiti del rispecchiamento e la lunghezza della melodia, spesso impostata a 2 o 4 misure. Quando si inserisce una nota per la prima voce al punto di inizio della selezione, Xx crea una nota sulla seconda voce alla fine della selezione.

Inserimento del passo della tastiera

Usa questo strumento per inserire note da un controller MIDI o dalla tastiera del Mac. La durata della nota è impostata dal valore corrente della griglia. Premete la barra spaziatrice per far avanzare il punto di inserimento senza creare una nota. Premete il tasto di cancellazione per rimuovere l'ultima nota inserita. È possibile spostare il punto di inserimento cliccando. Per inserire le note digitando, usate lettere minuscole. 'a' inserisce la fondamentale o la radice del tasto corrente. E le note corrispondono al loro ordine alfabetico. In C, se digitate abc, vengono inserite le note C2 D2 E2.

Nella modalità di inserimento dei passi, la maggior parte delle scorciatoie da tastiera sono ignorate.

Spazzola modello

Lo strumento pattern permette di inserire pattern di note complesse con un solo clic. Il pattern attuale viene scelto dalla libreria di pattern corrente facendo doppio clic sull'icona dello strumento per aprire il dialogo dei pattern (cliccando nell'area di anteprima del pattern, sotto il testo "Choose Pattern", per visualizzare il pop-up del selettore di pattern). 

Il pennello del pattern (e gli altri strumenti del pattern) sono sensibili all'impostazione della griglia. Quando la griglia è 240 (un quarto di nota), il tempo del pattern rimane invariato. Se il valore della griglia è diverso, il tempo e le durate vengono scalati di conseguenza. Per esempio, il pattern viene inserito al doppio del tempo originale quando la griglia è 120 o alla metà del suo tempo quando la griglia è impostata a 480.

I pattern possono contenere arpeggi, melodie, sequenze di accordi, pattern di batteria, ecc. In generale, il pattern viene inserito usando la sua chiave di riferimento al clic del mouse. Quando un pattern è un accordo, la fondamentale dell'accordo sarà usata come riferimento. In ogni caso, il pattern viene selezionato al momento dell'inserimento ed è facile cambiare l'intonazione usando le frecce su/giù.

Per saperne di più sugli strumenti Pattern nella sezione Working With Patterns del capitolo Using Xx.

Il dialogo degli schemi

Cliccate sul motivo visualizzato per far apparire un elenco dei motivi della libreria corrente. Per cancellare un motivo, tenete premuto il tasto opzione e selezionate il motivo che volete cancellare. La finestra di dialogo fornisce pulsanti per aprire un'altra libreria, creare una nuova libreria, salvare la nuova libreria con un nuovo nome e ordinare l'elenco per nome del motivo. 

La modalità di applicazione ripetuta è usata quando un motivo è applicato usando il comando Repeat Pattern Scegliere e ripetere il modello... (P)

Generatore di musica casuale

Quando questo strumento è attivo, cliccando nell'area del contenuto si inserisce la musica generata dal Generatore di musica casuale. Il generatore crea una o più tracce di musica generata a caso coerente con le tracce e la tonalità già esistenti. Questo è uno strumento meraviglioso per creare un accompagnamento a tracce esistenti o per ottenere nuove idee per una composizione completamente nuova. Usate questo strumento se siete bloccati o avete bisogno di ispirazione. Anche se non tieni tutte le note suggerite dal Random Music Generator, spesso scoprirai qualcosa di intrigante che vuoi perseguire.

Lo strumento è ricorsivo. Quando ogni traccia viene generata, viene analizzato il contenuto della traccia precedente. In generale, le tracce con un numero più alto avranno tonalità più alte e note più veloci (a seconda dell'impostazione di Note Divide Probability). I risultati sono molto sensibili al contenuto esistente.

Sensibilità al contesto e impostazioni. Il Generatore di musica casuale è molto sensibile al contesto e al contenuto delle tracce esistenti. In alcuni casi, il generatore di musica genererà note che sembrano violare le impostazioni perché non sarebbe possibile per lui generare musica che si adatti alle note esistenti. Per esempio, le note più brevi potrebbero essere più lunghe di quelle richieste nel dialogo se le tracce esistenti hanno molte note brevi.

Il generatore di musica ha delle impostazioni personalizzabili. Fate doppio clic sull'icona dello strumento per aprire la finestra di dialogo Random Music Generator Setup.

Le impostazioni sono:

  • Misure - il numero di misure da creare.
  • Numero di tracce - il numero di tracce (voci) create. In modalità Mono, tutte le note saranno inserite nella traccia corrente.
  • Rumore - il "rumore" del seme utilizzato dal generatore: Perlin, Saw, Sine, Fractal, White.
  • Note più brevi - queste sono le note più brevi che il generatore di musica creerà. Le durate generate sono influenzate da molti fattori tra cui l'impostazione Note Divide Probability e l'impostazione della griglia. Le opzioni sono: Quarter Beats, Half Beats, Beats, Beats * 2, half grid size. Le durate delle note che vengono create saranno influenzate dalle tracce esistenti. Ci possono essere casi in cui il generatore crea note che sono più corte dell'impostazione Shortest Notes se il generatore non può creare una linea con l'impostazione scelta. Per esempio, se le tracce esistenti hanno molte note brevi, le note generate possono avere una durata inferiore a quella selezionata; in alcuni casi, le note più brevi create possono essere più corte del valore selezionato per evitare conflitti con le tracce esistenti. Nell'esempio qui sopra, la traccia rossa è stata creata con Shortest Notes impostato su "beats * 2" dal generatore di Random Music dopo che la traccia blu era già stata inserita. Notate che dove ci sono note brevi nella traccia blu ci sono a volte note più corte delle mezze note.
  • Algoritmo - l'algoritmo utilizzato per tradurre il rumore in musica. Le opzioni sono: Simmetrico/2, Asimmetrico/2, Asimmetrico/3, Divisione randomizzata
  • Gamma - usa il default, usa intervalli di stringhe, usa intervalli vocali
  • Probabilità di silenzio - la probabilità che una data "nota" sia uno spazio/riposo.
  • Varianza media - Questo determina il contorno delle linee che vengono generate e lavora insieme al parametro Distribution. Il valore è l'intervallo medio (in semitoni) tra le note consecutive di una voce.
  • Distribuzione (larga stretta) - La distribuzione lavora con la varianza media per determinare il contorno delle linee che vengono create. Al massimo (molto stretto), l'intervallo tra note consecutive sarà quasi sempre la varianza media. All'impostazione più bassa (molto ampia), ci sarà una varietà di intervalli che separano le note consecutive (anche se la media degli intervalli sarà la varianza media). Gli esempi qui sotto usano una varianza media di 7 (semitoni). Tieni presente che i risultati saranno influenzati dal contenuto delle tracce esistenti. Con Mean Variance impostato su molto stretto, è possibile che ci sia una variazione necessaria per mantenere le tracce consonanti.Mean Variance impostato su 7 (semitoni) con Narrow Distribution. Le note consecutive sono tutte distanti 7 semitoni.Varianza media impostata a 7 con distribuzione ampia. La distanza tra le note consecutive varia ma ha una media di 7 passi.
  • Nota dividere la probabilità -Questa è la probabilità che le note più brevi si verifichino su tracce di numero più alto. Al massimo, le tracce più alte saranno sempre suddivise (avranno note più corte) come permesso dall'impostazione Shortest Notes. All'impostazione minima, tutte le note avranno la stessa durata. Dove possibile, il Generatore di musica casuale cercherà di creare note più lunghe sulle tracce di numero inferiore e note più corte sulle tracce di numero superiore.
  • Coerenza e ripetitività - Questa impostazione determina come la funzione di rumore sottostante viene usata per creare le note. Quando l'impostazione è più alta, la probabilità di ripetizione è più alta. A causa del numero di fattori che influenzano le scelte delle note, il risultato potrebbe non essere sempre una ripetizione ovvia. Cambiare questo valore fornisce un modo per generare scelte di note diverse quando tutti gli altri parametri sono gli stessi. Se vi piacciono le impostazioni di base che avete scelto, modificate questo valore per esplorare diverse possibilità.

Impostazioni della griglia

Le impostazioni della griglia sono usate dai pennelli per impostare le durate delle note e la griglia delle note. La dimensione della griglia è anche usata da molti strumenti (come lo strumento pattern) per determinare la durata delle note.

  • Popup delle dimensioni - La spaziatura della griglia in tick. In 4 battute per misura un quarto di nota è 240. Un'ottava nota è 120 ecc. 
  • Griglia On/Off Toggle - Cliccate sul toggle per attivare o disattivare la griglia. Quando la griglia è attiva, lo spostamento delle note e le note inserite sono quantificate in base al tempo ai confini della griglia.

DETTAGLI: NOTA AREA DI PUNTEGGIO

Questa è l'area principale per inserire e modificare le note.

Sezioni di punteggio

Il punteggio ha sottosezioni che includono:

  • Area di visualizzazione delle note - Le note dello spartito sono visualizzate qui.
  • Tastiera - Clicca sulle note della tastiera per suonare l'altezza associata sullo strumento della traccia. Durante la registrazione, puoi cliccare sulla tastiera per registrare le note.
  • Potete usare la tastiera per selezionare una nota particolare in tutta la traccia cliccando con il comando sulla nota della tastiera.
  • Barra di selezione dell'intervallo di tempo [Seleziona per misura] - Clicca o clicca e trascina in quest'area per selezionare le misure. Le misure selezionate sono mostrate in blu. Alcuni comandi (come Modello multi-trasformazione o ripetizione - Questo agisce sulla selezione delle misure piuttosto che sulle note selezionate. Molti altri comandi useranno la selezione della misura quando non ci sono note selezionate.
  • Scorrimento del tempo - Clicca e trascina qui per scorrere la partitura. La riproduzione di solito inizia nella posizione temporale impostata dallo scroller della linea temporale.
  • Display del controllore - Quando la funzione Mostra controllori è attiva, i controllori vengono visualizzati qui.

Alcuni tasti modificatori hanno una forte priorità come il controllo più altri modificatori.

Poi qualsiasi clic sulla tela fornirà un comportamento alternativo:

  • Usa il controllo per scegliere dal menu di modifica
  • Usa control +comando+opzione per scegliere dal menu file
  • Usa il controllo +opzione per vedere in anteprima il suono di un particolare passo
  • Usa il comando + opzione per ottenere lo strumento mano per scorrere la vista del punteggio
  • Usa il comando per forzare lo strumento di selezione marquee

Senza modificatori, qualsiasi clic sulla tela userà lo strumento corrente tra quelli del set di strumenti del sequencer che sono descritti nella sezione Strumenti del sequenziatore sezione di questo manuale.

DETTAGLI: BARRA DEGLI ATTREZZI INFERIORE

Scorri gli strumenti nell'interfaccia utente per vedere i nomi degli strumenti.

Aprire

La scorciatoia dell'icona per il comando Aprire un documento Xx.

Salva

L'icona di collegamento per salvare il documento corrente.

Zoom In / Zoom Out 

Ingrandire o rimpicciolire.

Vista a scorrimento (strumento manuale)

Clicca e trascina su questa icona per scorrere il display del punteggio. Per scorrere direttamente, tieni premuto il tasto command + option e trascina nella partitura da scorrere.

Quantizzare

Clicca su questo strumento per quantizzare la nota on di tutte le note selezionate senza cambiare la durata. Shift-click per quantizzare sia la nota on che la nota off. La quantizzazione viene fatta usando il tempo della griglia corrente, indipendentemente dal fatto che la griglia sia accesa o spenta.

Tempo di inversione (t)

Inverte l'ordine delle note selezionate. Se non ci sono note selezionate, l'inversione temporale si applica alla selezione di misure corrente. In modalità poly la trasformazione si applica a tutte le tracce.

Invertire il passo (i)

Inverte l'intonazione delle note selezionate capovolgendole verticalmente intorno alla nota centrale. Se non ci sono note selezionate, l'inversione di tono si applica al contenuto della selezione di misure corrente. In modalità poly la trasformazione si applica a tutte le tracce.

Le note originali Le note dopo l'inversione delle altezze

Due volte più veloce (<) [e due volte più lento (<) ]

Raddoppia il tempo delle note selezionate. Clicca con l'opzione per dimezzare il tempo (Twice Slower). La scorciatoia per Twice Faster è

Randomizzare

Randomizza le note usando le impostazioni impostate per ultime nella finestra di dialogo Randomize. Per impostare i parametri di randomizzazione fare clic sullo strumento Randomizzazione o scegliere Pattern->Randomize (scorciatoia: comando-opzione-r)

Canonizzare

Crea un canone a 2 o 3 parti dalla selezione. Per impostazione predefinita, questo crea un canone in due parti. Se avete usato lo strumento canone in 3 parti (negli strumenti dell'area sinistra), il canone creato avrà 3 parti. Control-click sull'icona per far apparire la finestra di configurazione.

Tempo di scala

Clicca e trascina per scalare il tempo delle note selezionate.

Scala Pitch

Clicca e trascina per scalare l'altezza delle note selezionate.

Cambiamento Durata

Clicca e trascina per rendere le note selezionate più lunghe o più corte. La durata usa la seguente logica di portata

-se ci sono note selezionate, si applica ad esse

-se non ci sono note selezionate si applica alle note all'interno delle misure selezionate

-se non ci sono note selezionate o misure selezionate si applica a tutto

Cancellare le misure

Cancella sia le note che le misure nelle misure selezionate. Si noti che le tracce bloccate o nascoste non saranno influenzate da Delete Measures, quindi quando si ristruttura globalmente un pezzo assicurarsi di sbloccare prima tutte le tracce necessarie e di usare modo poli.

Inserire il tempo

Clicca e trascina verso destra per inserire il tempo vuoto nel punto di inserimento. Si noti che le tracce bloccate o nascoste non saranno influenzate dal tempo di inserimento, quindi quando si ristruttura globalmente un pezzo assicurarsi di sbloccare prima tutte le tracce necessarie e di usare modo poli.

Trasposizione di ottava

Trasporre le note selezionate (o il contenuto della selezione delle misure) su o giù di un'ottava.

Spingi a sinistra/destra 

Spingi le note selezionate a sinistra o a destra dell'intervallo della griglia se la griglia è attiva. Se la griglia è spenta, il nudging sposta leggermente le note.

Trasporre (Nudge Up / Down)

Sposta le note selezionate su o giù di un gradino all'interno della scala corrente. Gli strumenti di trasposizione utilizzano la seguente logica di ambito

  • Se ci sono note selezionate si applica ad esse
  • Se non ci sono note selezionate si applica alle note all'interno delle misure selezionate
  • Se non ci sono note selezionate o misure selezionate si applica a tutto

Per trasporre cromaticamente (indipendentemente dalla tonalità corrente) si possono premere i tasti control+command mentre si clicca sulle frecce di trasposizione. (control+command disattiva il rifacimento dell'intonazione)

Rampa di velocità

Clicca e trascina per applicare un crescendo (una rampa di velocità verso l'alto) alle note selezionate. Quando clicchi e trascini, Xx mostrerà la velocità delle note selezionate usando i colori definiti nelle Preferenze. 

Velocità di offset

Clicca e trascina per aumentare o diminuire la velocità (volume) delle note selezionate. Quando clicchi e trascini, Xx mostrerà la velocità delle note selezionate usando i colori definiti nelle Preferenze. velocità delle note selezionate usando i colori definiti nelle Preferenze.

Rampa di velocità verso il basso

Clicca e trascina per applicare un decrescendo (una rampa di velocità verso il basso) alle note selezionate. Quando clicchi e trascini, Xx mostrerà la velocità delle note selezionate usando i colori definiti nelle Preferenze.

Strumenti Velocity Nota

Gli strumenti Velocity utilizzano la seguente logica di ambito:

  • Se ci sono note selezionate si applica ad esse
  • Se non ci sono note selezionate si applica alle note all'interno delle misure selezionate
  • Se non ci sono note selezionate o misure selezionate si applica a tutto

Imposta effetto globale

Imposta un effetto (come il riverbero) che viene applicato alle tracce mixate durante la riproduzione (e il rendering). Nota che questo effetto non sarà usato nell'esportazione al progetto metasynth quando la traccia usa uno strumento metasynth.

Sequenza di rendering

Mescola le tracce su disco come file audio. Il formato e la profondità del file sono impostati nelle preferenze.

Controlli di trasporto

Usato per suonare, suonare selezionato, suonare dalla posizione, suonare in loop.

  • Vai all'inizio - Clicca qui per scorrere fino all'inizio della sequenza.
  • Gioca (barra spaziatrice) - Riproduce la sequenza a partire dalla misura visualizzata sul bordo sinistro della partitura. Si noti che il comando play inizierà la riproduzione dalla linea di inserimento.
  • Selezione del gioco (opzione+barra spaziatrice) - Suona in loop le note selezionate. 
  • Misure di play e loop (;) - Riproduce in loop l'intervallo di tempo della misura selezionata mostrato in blu. Clicca e trascina nell'area della barra delle misure per selezionare le misure da riprodurre.
  • Record - Registra l'ingresso MIDI. Xx registra tutti i dati delle note in entrata e la maggior parte dei dati del controller. Pitch-bend e dati esclusivi del sistema non vengono registrati. Se si clicca sulla tastiera sullo schermo, le note associate vengono registrate.

Si noti che Xx non ha un click di metronomo. Quando si registra una prima traccia, è solitamente utile creare una traccia (usando la Beat Pen o il Multi-Generator) che funga da click.

  • Vai alla fine - Clicca qui per scorrere fino alla fine della sequenza.

Visualizzazione del tempo

Il tempo (in minuti:secondi:millisecondi) associato alla posizione di riproduzione.

ToolTips

Qui vengono visualizzate le informazioni su qualsiasi cosa sia visualizzata sotto il cursore. Muovi il mouse sopra qualsiasi strumento per vedere le informazioni su di esso. I suggerimenti degli strumenti daranno le note in semitoni quando il mouse è sopra la tela Tracks.

Le scorciatoie di un singolo tasto sono spesso incluse nel tooltip sotto parentesi. I tasti modificatori come opzione, controllo o comando possono modificare il testo del tooltip se è disponibile un comportamento alternativo. I tooltip non sono visualizzabili in modalità schermo intero.

I MENU

Panoramica

La maggior parte delle funzioni importanti sono disponibili attraverso i menu pop-up delle icone ui. La barra del menu principale è quindi usata raramente. Essa riprende alcune delle funzioni standard di file e modifica. La barra dei menu menu file ha in più i comandi di importazione ed esportazione di file midi. 

Tasti di scelta rapida

Xx e MetaSynth usano scorciatoie a chiave singola per permettere un editing rapido e snellire i flussi di lavoro. 

Usano anche menu interni a lista, e solo alcune funzioni appaiono nella barra dei menu Apple. Le liste all'interno delle applicazioni appaiono come icone quadrate con immagini che rappresentano i raggruppamenti. Sono disponibili ulteriori scorciatoie per il controllo del trasporto.

I MENU DELLA MELA

Xx e MetaSynth minimizzano l'uso della barra dei menu Apple in favore di menu interni, ma alcuni comandi possono essere trovati solo lì. 

XX CTX 1.0 -> Informazioni su Xx 

visualizza la schermata "about" con il numero di versione corrente

XX CTX 1.0 -> Aprire le preferenze (Comando,)

Aprire la schermata a comparsa delle preferenze per cambiare le impostazioni dell'applicazione.

File -> Importazione file MIDI (Comando-i)

Importare un file midi. Quando si importano file MIDI, l'uscita della traccia viene inviata al canale che corrisponde al numero della traccia. I file MIDI possono avere la mappatura di una traccia su un'uscita MIDI diversa, ma Xx mappa sempre le note sullo stesso canale del numero di traccia. Se il numero di traccia è maggiore di 16, le note sono mappate sul canale 16. Se il file MIDI ha una firma di chiave, sarà usata quando l'importazione è fatta. Poiché i file MIDI supportano solo scale maggiori e minori, la scelta della scala sarà sbagliata se la scala reale che sta alla base di un pezzo non è maggiore o minore. Puoi usare il comando Find Tonality (che si trova nel menu Edit) per trovare la scala corretta per un file MIDI importato. Le tracce importate usano il GM Synth per default.

File -> Esporta file MIDI (Comando-m)

Componi in .xx ed esporta la sequenza come file MIDI per importarla in altri Sequencer.

Aiuto in linea -> Lanciare la documentazione in linea (Comando-f)

La documentazione di Xx e MetaSynth è ora online e disponibile in diverse lingue. Usa questo comando per lanciare la sua pagina web.

XX CTX 1.0 -> Preferenze (comando,)

La finestra di dialogo delle preferenze permette di scegliere e impostare i seguenti parametri:

  • Formato del file di missaggio - Il tipo di file e la profondità di bit predefiniti da usare quando si rende una sequenza Xx su disco come file audio.
  • Dispositivo di uscita - L'hardware audio da usare per l'uscita del suono. Dopo aver cambiato il dispositivo di uscita del suono con questo popup, è una buona idea cliccare sul pulsante Set Hardware Sample Rate.
  • Tasso di campionamento - Questa è la frequenza di campionamento per il tuo dispositivo di uscita e sarà usata come frequenza di campionamento durante il rendering su disco. Dopo aver cambiato la frequenza di campionamento in Preferenze, è una buona idea cliccare sul pulsante Set Hardware Sample Rate.
  • Ritardo MIDI e AU [ticks] - Questi campi compensano i ritardi MIDI e AU inerenti. I valori predefiniti forniti sono i valori che hanno dato i migliori risultati sulle nostre macchine di prova. È possibile che i valori migliori per il tuo setup siano diversi. I valori sono in tick che è approssimativamente 1 millisecondo. Se i tuoi synth Audio Unit rispondono in modo strano (mancando le note che vengono loro inviate o mancando gli eventi di note off), imposta questo valore a 1 o 0.
  • Abilita le unità audio (casella di controllo) - Disattiva questa opzione (e poi riavvia) per impedire il caricamento delle unità audio. 
  • Per riabilitare le unità audio, attiva la casella di controllo e riavvia Xx.

Abilita lo scorrimento automatico durante la riproduzione. Lo scorrimento automatico sarà disabilitato se si modifica la partitura durante la riproduzione o quando si usa la timeline.

Usa Default.xx come modello di avvio. Quando questa preferenza è attiva, Xx caricherà automaticamente il file Defaultsequence.xx all'avvio. Modifica il documento Defaultsequence.xx e impostalo come preferisci in modo che possa essere il template di partenza per le tue sessioni di Xx. 

Set MIDI Input Device (menu a comparsa). Questo menu a comparsa mostra i dispositivi di ingresso MIDI disponibili. Devi abilitare tutti i dispositivi di input che pensi di usare. Per impostazione predefinita, il primo dispositivo di ingresso disponibile è abilitato. Puoi abilitare tutti i dispositivi che hai a disposizione.

il menu del file xx

I comandi in questo menu picklist gestiscono i file xx, i rendering dei file audio e forniscono comandi utili per integrare Xx con MetaSynth CTX. Il menu dei file è accessibile con il controllo delle opzioni di comando quando si clicca sulla tela.

Nuova sequenza XX (Comando+n)

Crea una nuova sequenza xx vuota "Untitled". Il colore delle tracce, i nomi e la disposizione degli strumenti tornano ai valori predefiniti. 

Se avete bisogno di partire da un modello di strumento e di traccia esistente, la cosa più semplice è aprire una sequenza esistente, cancellare il suo contenuto (selezionare tutto + cancellare) e usare salva la sequenza xx come... per rinominarla. Nota che puoi usare la sequenza predefinita per memorizzare il tuo strumento preferito e il layout della traccia.

Aprire la sequenza XX... (Comando+o)

Aprite un documento Xx. Il documento xx contiene tutti i dati della sequenza, i vari parametri dei generatori (se sono stati usati) e gli stati di tutti gli strumenti usati nella sequenza. In CTX il documento contiene anche l'ultima selezione di misure.

Nota: le librerie di modelli non fanno parte di un documento Xx e sono mantenute in modo indipendente.

Salva XX sequenza(i) 

Salva il documento xx corrente.

Salva la sequenza XX come...(S)

Salva il documento xx corrente con un nuovo nome.

Carica il MetaSynth Instruments Bank...

Usa questo comando di menu per caricare un set di strumenti MetaSynth nel popup MetaSynth instrument. Quando scegliete il comando, vi viene chiesto di selezionare una cartella che contiene strumenti MetaSynth (di solito una creata usando il comando Salvare il banco strumenti MetaSynth ). Si può anche scegliere la cartella Synths che si trova all'interno del bundle di un altro documento Xx.

Salva MetaSynth Instruments Bank...

Usa questo comando per salvare un banco di strumenti che contiene gli strumenti MetaSynth attualmente caricati. Questo comando crea una cartella con copie di tutti gli strumenti che appaiono nel popup MetaSynth instruments. Questo è molto comodo per condividere set di strumenti tra progetti.

Importazione della sequenza MetaSynth...

Importa una sequenza di MetaSynth Sequencer Room nella traccia corrente. Le note vengono inserite in corrispondenza della linea di inserimento (la cui posizione si può impostare facendo clic con il comando nell'area dello spartito).

Esportare la sequenza MetaSynth...

Esportare una singola traccia Xx nella Sequencer Room di MetaSynth. In generale userete questa funzione dopo che un progetto MetaSynth è stato creato e metterete la sequenza nella cartella Sequences del progetto. In certi casi potresti voler usare una traccia di sequenza nel montaggio invece di una collezione di preset di synth Image. 

Creare un progetto MetaSynth...

Dopo che un pezzo di Xx è stato composto e salvato, può essere utile esportarlo come un progetto MetaSynth per ottenere una maggiore flessibilità sia nell'espressione musicale con la camera di synth dell'immagine che nel mix finale con la camera di montaggio. Inoltre, dato che Xx non ha tracce audio, una versione MetaSynth vi permetterà di aggiungere voci o qualsiasi materiale audio registrato.

Selezionando questo comando si aprirà la finestra di dialogo del progetto per scegliere la directory del MetaSynth CTX. Per default il nome del progetto deriva dal nome della sequenza e la directory è posta nella stessa cartella della sequenza. Il Sample rate e il tempo non possono essere cambiati a questo punto e il display è solo informativo. Alla conferma verrà creato un file Montage, la cartella Image Synth Presets e Sounds che verrà riempita con i dati derivati dalla sequenza xx. Verranno create anche le cartelle Sequences, Spectrums e Effects & Resources. Una copia del tuo file di sequenza Xx sarà messa nella cartella Sequences. 

Xx converte la sequenza corrente in un progetto di montaggio MetaSynth pieno di preset Image Synth (per le tracce che usano strumenti MS) e file audio (per qualsiasi traccia audio di synth incorporata AU o GM). 

Xx nomina i preset IS con i nomi di traccia + strumento. Poiché i preset IS sono limitati in pixel, Xx dividerà una traccia in varie immagini IS collocate nel montaggio usando la loro lunghezza logica. Un nuovo preset IS viene generato se si incontra un silenzio di una o più misure o se la lunghezza supera i 2k pixel. Dopo aver reso automaticamente tutti i suoni IS potresti voler resettare la lunghezza di ogni evento di montaggio se qualche rilascio extra o rilascio di effetto ha allungato l'evento. 

Alcuni effetti come l'eco o il riverbero che fanno normalmente parte dello strumento in Xx saranno convertiti come effetto globale della traccia di montaggio.

Le tracce audio non MetaSynth sono renderizzate in tempo reale - una alla volta - durante l'esportazione che può richiedere tempo se il pezzo è lungo e/o ha molte tracce. Xx rende l'audio dalla prima all'ultima misura + 2 misure extra per catturare il rilascio di eventuali effetti. È necessario abilitare il rendering audio nella finestra di creazione del progetto. Nota che il rendering audio non è interrompibile.

Esportazione a MetaSynth IS preset...,

Esporta il contenuto delle misure delle tracce selezionate come preset Image Synth in una libreria di preset MetaSynth esistente. Un dialogo ti chiede di localizzare un file di preset Metasynth. Di solito questo comando viene usato quando si aggiungono o modificano gli arrangiamenti DOPO che un progetto Metasynth è stato creato. Se vuoi aggiungere altri preset Image Synth a qualsiasi progetto MetaSynth, seleziona il suo file di preset.  

Mescolare su disco come...(^)

Mescola le tracce su disco come file audio con un nome scelto. Il formato e la profondità del file audio sono impostati nelle preferenze.

Mix & Save ($)

Salva la sequenza corrente e mescola tutte le tracce su disco come un file audio con un nome predefinito. Il formato e la profondità del file audio sono impostati nelle preferenze. Il file viene salvato nella stessa directory della sequenza.

Rendering di tutte le tracce ...

Renderizza ogni traccia usando un synth software (MS instrument, Audio Unit del synth GM integrato) come file audio. Tutte le tracce audio inizieranno da zero e saranno collocate in una cartella chiamata "nome sequenza_TracksSounds", posta nella stessa directory della sequenza. I file audio sono nominati automaticamente usando il nome della traccia più il nome dello strumento della traccia.

Questo comando non è interrompibile nella 1.0 e può richiedere un po' di tempo poiché le tracce vengono renderizzate in tempo reale. Può essere interrotto a partire dalla 1.0.2 con il tasto escape.

Questo comando è utile se vuoi importare il tuo lavoro Xx in qualsiasi DAW per un ulteriore lavoro di mixaggio. 

il menu di modifica di xx

Il menu di modifica è accessibile direttamente con il controllo quando si clicca sulla tela. Raccoglie la maggior parte dei principali comandi di modifica.

    Annulla (z)

Annulla l'ultima azione.

    Taglio (x)

Taglia le note selezionate negli appunti. Cut esegue una copia seguita da una cancellazione. Vedi Copia per i dettagli.

    Copia (c)

Copia le note selezionate negli appunti. La copia mantiene le informazioni sull'origine della traccia in modo che quando viene incollata in modalità Poly le note vengono inviate alle loro tracce originali. La prima nota definirà il tempo zero del contenuto degli appunti, quindi se la nota iniziale non inizia ai confini del beat potrebbe essere necessario spostare nel tempo la versione incollata.

    Pasta (v)

Incolla le note dagli appunti alla linea di inserimento senza inserire il tempo. Le note degli appunti vengono fuse con le note esistenti senza modifiche. Le note vengono incollate alle tracce da cui provengono in modalità Poly (indipendentemente dalla traccia attualmente attiva). Per incollare alla traccia corrente usa la modalità Mono. 

Puoi anche spostare le note tra le tracce usando lo strumento Transfer Selection To.

Nota : La linea di inserimento può essere impostata con un clic di comando sulla tela, o selezionando una o più misure.

Suggerimento: l'unione di più tracce in una sola può essere fatta con : 

  • Tagliare più tracce in modalità POLY (usare lo shift track select per fare una selezione multitraccia o impostare il caps lock per attivare la selezione di più tracce)
  • Passare alla modalità Mono e selezionare la traccia di destinazione
  • Incolla nella traccia scelta.

Incollare e unire (m)

Questo comando di incollaggio funziona come Incolla ma analizza le note negli appunti e le regola come necessario per evitare dissonanze con le note di altri brani usando una rigorosa regola di consonanza (tutti gli intervalli inferiori a 3 semitoni sono vietati in tutte le ottave). Vedi gli strumenti di dissonanza nella sezione Menu di questo manuale.

Incolla Inserisci (b)

Inserisce le note dagli appunti alla linea di inserimento spingendo il contenuto esistente per la lunghezza del contenuto degli appunti. Le note vengono incollate alle tracce da cui provengono in modalità Poly (indipendentemente dalla traccia attualmente attiva). Per incollare tutto alla traccia corrente, usa la modalità Mono. 

Chiaro ()

Cancella la selezione delle note. Equivale a premere il tasto cancellazione/indietro.

Seleziona tutto (a)

Select All seleziona tutte le note della traccia corrente in modalità Mono e seleziona anche l'intervallo di misure dell'intero pezzo. In modalità Poly, tutte le note di tutte le tracce sbloccate sono selezionate indipendentemente dalla modalità di blocco particolare della traccia. Se volete in Poly Il formato del file audio e la profondità è impostata in preferenze limitare la selezione alla traccia corrente potete cliccare sulla casella del colore della traccia dopo aver fatto il select all.

Deseleziona tutto (d)

Deseleziona tutte le note selezionate senza cambiare la selezione della misura corrente. Si noti che con il tasto SHIFT premuto (D)  Deseleziona tutto deselezionerà anche la selezione di misure corrente. Di solito ci sono poche ragioni per resettare la selezione delle misure, ma ci sono buone ragioni per deselezionare le note senza cambiare la selezione delle misure per assicurarsi che i comandi che si applicano alle note selezionate o a un intervallo di tempo siano alimentati con un intervallo di tempo quando necessario.

Rimuovere le sovrapposizioni

Rimuovere la sovrapposizione di note-ons e note-off.

Invertire (i) 

Specchia le note selezionate in base all'altezza. Se non ci sono note selezionate Invert si applica alle misure selezionate (se non ci sono misure selezionate si applica a tutto). La funzione è evidenziata dall'icona invertita sotto il cursore della timeline.

Tempo di inversione (t) 

Invertire le note selezionate in base al tempo. Se non ci sono note selezionate Tempo inverso si applica alle misure selezionate (se non ci sono misure selezionate si applica a tutto) 

La funzione è evidenziata dall'icona del tempo inverso sotto il cursore della linea temporale.

Ripeti due volte (r)

Ripete due volte le note selezionate. Se non ci sono note selezionate Repeat si applica alle misure selezionate (se non ci sono misure selezionate si applica all'intero brano) 

Quantizzare (q) 

Quantifica il tempo di entrata delle note selezionate (o il contenuto delle misure selezionate se non ci sono note selezionate) ai confini della griglia corrente. 'Q' o shift q quantizzerà sia in entrata che in uscita. Quantize è anche disponibile come pulsante sotto il cursore della timeline.

Due volte più veloce () 

Cambia la velocità delle note selezionate (o il contenuto delle misure selezionate se non ci sono note selezionate) di 200% o 50%

Selezione MultiTrack (caps lock)

Attiva/disattiva la modalità MultiTrack Selection. Quando la modalità MultiTrack Selection è attiva, le selezioni fatte usando lo strumento di selezione o facendo una selezione cliccando nell'area Select by Measure vengono applicate a tutte le tracce sbloccate. Il Caps lock può essere usato come un modo alternativo per forzare temporaneamente la selezione multitraccia su ON senza doverlo impostare qui.

il menu del modello xx

Il menu dei modelli disponibile nell'interfaccia principale raccoglie tutte le manipolazioni che hanno a che fare con le strutture musicali e la generazione, così come la gestione dei modelli musicali. 

Aggiungi modello dalla selezione

Le note selezionate saranno aggiunte alla libreria dei pattern. Il pattern viene replicato così com'è quando la griglia è impostata su 240 (quarto di nota). Le informazioni sulla scala corrente vengono memorizzate con il pattern per aiutare Xx a sapere come applicare un pattern in seguito. 

Patterns di accordi: Xx può rilevare se un pattern corrisponde a un accordo o meno. Gli accordi validi includono triadi o accordi di 4 note (triade + settima). Le note non devono necessariamente sovrapporsi per definire un accordo. Non appena una triade è inclusa in un arpeggio, definirà il motivo come un accordo. Per ottimizzare il key remapping si consiglia di definire accordi in una scala di 7 note in una traccia che ha il pitch filter attivo. I pattern definiti come accordi in uno spazio di 7 note funzioneranno bene in tutte le 7 accordature (e anche nello spazio di 12 toni dalla versione 1.0.2) quando viene usata la modalità Match Chords. Altrimenti si consiglia di usare pattern definiti nello stesso spazio di accordatura per ottenere i migliori risultati.

Xx rimapperà i motivi come necessario per adattarli alla scala. Per cancellare un motivo dalla libreria, apri la finestra di dialogo dei motivi e tieni premuto il tasto opzione mentre selezioni il motivo da cancellare dal popup.

Se la libreria dei modelli è stata modificata, vorrete salvare la libreria prima di uscire da Xx per rendere le modifiche permanenti.

Scegliere e ripetere il modello... (P)

Fa apparire la finestra di dialogo del pattern e ripete il pattern selezionato per riempire le misure selezionate. A differenza dello strumento di inserimento del pattern, questo comando può regolare il pattern per seguire la struttura dell'accordo sottostante, se presente. È una caratteristica molto importante per gli arrangiamenti automatici. La finestra di dialogo fornisce tre modalità che determinano come viene eseguita la ripetizione.

Opzioni della modalità di ripetizione:

Diretto - ripete il pattern esattamente come inserito (rimappando se necessario per abbinare la tonalità corrente). Questa modalità è consigliata per i pattern non intonati come la batteria o le percussioni.

Evitare le dissonanze - ripete esattamente il modello poi rimappa qualsiasi nota dissonante usando una regola di consonanza rigorosa (tutti gli intervalli più bassi di 3 semitoni sono proibiti a tutte le ottave). La regola è simile a quella usata in Fissare le dissonanze duramente  vedi sotto (link)

Accordi di corrispondenza - traspone le note del pattern per farle corrispondere alla nota base dell'accordo rilevato. In questa modalità, Repeat Pattern funziona come un Arpeggiatore. Questa modalità funziona meglio con i pattern che definiscono essi stessi un accordo. Quando il pattern è una melodia il pattern sarà trasposto in modo che la prima nota corrisponda alla base dell'accordo. Se hai bisogno di una stretta consonanza puoi sempre usare "fix dissonance" (link) dopo.

Ripetere il modello (p) 

Ripete il pattern correntemente selezionato per riempire le misure selezionate usando direttamente la modalità di ripetizione corrente. Per cambiare la modalità di ripetizione e il motivo selezionato usate il comando del menu Scegli e Ripeti motivo. Si può anche fare doppio clic sullo strumento pattern per richiamare la finestra di dialogo di impostazione del pattern.

Nuovi modelli

Creare e utilizzare un nuovo file di libreria di modelli.

Modelli di carico 

Usate questo comando per caricare una diversa libreria di modelli.

Salvare i modelli

Salvare la libreria di modelli corrente su disco. Se la libreria di modelli è stata modificata, vorrete salvare la libreria di modelli prima di uscire da Xx per rendere le modifiche permanenti.

Remap... (K) 

Modifica le note delle misure selezionate. Remap è un potente strumento per creare variazioni di melodie e composizione algoritmica. Può anche essere usato per cambiare le chiavi, per esempio sostituendo ogni A nella partitura con A#. 

Attivare "Constrain to current scale" per rimappare solo le altezze presenti in essa. Disattivatelo per rimappare qualsiasi altezza su qualsiasi altra altezza.

Attivate l'Auto-Endorph per assicurarvi che nessuna nota sia usata più di una volta nella rimappatura e che tutte le note vengano mappate a tutte le note in un ordine diverso. Quando l'auto-endorph è ON puoi creare un ciclo di trasformazione che tornerà alla forma originale dopo molteplici applicazioni. Alcune mappature possono tornare all'originale dopo 12 trasformazioni successive. Usando l'icona dei dadi si genererà un endomorfismo casuale. Nota che le barre del passo non sono più modificabili quando Auto-Endorph è ON perché i valori sono vincolati.

Per esempio, per semplificare useremo una scala di 4 note "cdef". Supponiamo che

c mappa ad e, 

d mappa a f,

e mappa a d, 

f mappa a c

Le trasformazioni saranno efdc, dcfe, fecd, cdef. Quindi la quarta trasformazione riporterà il tema all'originale.

Si può usare "Remap pitch" disponibile in Trasformazione multipla per generare più trasformazioni in una volta.

Randomizzare... (R) 

Randomizza le note selezionate usando le impostazioni della finestra di dialogo.

Ripetere la selezione di...(N) 

Ripeterà le note selezionate (o il contenuto delle misure selezionate se non ci sono note selezionate) per N volte, con N impostato nel seguente dialogo. 

Multi trasformazione... (T) 

Portate in primo piano la finestra di dialogo Multi-Transform e applicatela alla selezione della misura corrente. 

Il comando Multi Transform è un potente strumento algoritmico per generare ricche variazioni ed elaborazioni di temi semplici. Un semplice tema di una o due misure può essere trasformato in un ricco passaggio molte volte più lungo.

Le tracce bloccate e le tracce con il pitch tracking disattivato saranno ripetute come necessario per rimanere in sincronia con le altre tracce, ma non avranno i loro pitch alterati.

Quando scegliete il comando Multi Transform, vi viene presentata la finestra di configurazione. Si specifica il numero di volte in cui applicare la trasformazione e si specificano fino a quattro trasformazioni che verranno applicate. Si specifica anche quando ogni trasformazione viene applicata. Le trasformazioni includono operazioni come la trasposizione del pitch, l'inversione del pitch, la rimappatura del pitch, l'espansione o la compressione del tempo e la randomizzazione. Le regole "quando" permettono di eseguire una trasformazione ogni volta o ogni due volte o ogni quattro volte, e così via.

Una volta che una trasformazione è stata eseguita, ulteriori trasformazioni sono applicate alla musica trasformata (piuttosto che all'originale). Questo comportamento ricorsivo permette di ottenere risultati molto complessi da un semplice insieme di regole. Con un po' di riflessione si potrebbe generare una fuga completa usando un semplice tema polifonico di partenza. Per esempio il tema può essere trasposto verso l'alto ad ogni ripetizione, trasposto verso il basso di una quinta ad ogni 4 ripetizioni, invertito di tonalità ad ogni 8 ripetizioni.

Proteggere le tracce dalle trasformazioni. Potresti avere tracce le cui altezze non vuoi che vengano trasformate. Una traccia il cui Pitch Filter è disattivato (di solito tracce di batteria) non sarà soggetta a trasposizione o inversione di tonalità poiché queste hanno senso solo per i dati con il pitch. Se l'opzione Pitch Filter è disattivata, Multi-Transform ripeterà semplicemente le altezze originali della traccia.

Conteggio delle misure. Multi Transform inizia a contare da 0. L'intervallo di tempo selezionato viene trattato come numero di ripetizione 0. Così, Even Times applica la trasformazione alle ripetizioni 0, 2, 4, ecc. (che sono la prima, la terza e la quinta misura)

Quando. Il popup When determina quando una particolare trasformazione viene applicata. Le opzioni sono:

  • Ogni volta La trasformazione viene applicata ad ogni ripetizione
  • Anche i tempi La trasformazione è applicata ad ogni ripetizione pari (0,2,4...)
  • Tempi dispari La trasformazione è applicata ad ogni ripetizione dispari (1,3,5...)
  • 1/3 di volte Pari - Ogni terza volta, a partire dalla selezione originale (che è considerata 0).
  • 1/3 volte Dispari - Ogni terza volta, a partire dalla prima misura dispari.
  • 1/4 di volta anche - Ogni quarta volta, a partire dalla selezione originale (che è considerata 0).
  • 1/4 di volte Dispari - Ogni quarta volta, a partire dalla seconda ripetizione. (Per esempio, se la selezione è lunga una misura a partire dalla misura 1, la trasformazione sarà applicata prima nella misura 3 e poi di nuovo nella misura 7).
  • 1/8 di tempo Pari - Ogni ottava volta, a partire dalla selezione originale (che è considerata 0).
  • 1/8 volte Dispari - Ogni ottava volta, a partire dalla quinta ripetizione. (Per esempio, se la selezione è lunga una misura a partire dalla misura 1, la trasformazione sarà applicata prima nella misura 5 e poi di nuovo nella misura 13).

Le trasformazioni sono tutte quelle disponibili altrove in Xx. Alcune trasformazioni prendono un parametro che è il numero di passi di scala che la selezione sarà trasposta quando la trasformazione è applicata. Fit Range, Randomize e Remap Pitch hanno la loro finestra di impostazione che si apre cliccando sull'icona del parametro (che diventa attiva per le trasformazioni che hanno una finestra di impostazione).

Esempio:

Sequenza di partenza

Impostazioni multi-trasformazione

Sequenza risultante.

Crea un accordo con la selezione (k),

Trasponi e unisci la selezione di note per fare una triade nella scala corrente. Le note selezionate saranno la chiave fondamentale di ogni accordo. Questa funzione è utile soprattutto in chiavi di 7 note. In 12 toni creerà un accordo minore.

Questa funzione è disponibile anche come pulsante.

Canonizzare la selezione (2 voci) 

Aggiungi le note che creano un canone a due voci per le note selezionate (non la selezione della misura). Le note aggiuntive vengono aggiunte alla prossima traccia di numero superiore in modalità Poly.   Canonizzare la selezione utilizza le impostazioni canon correnti che sono condivise con lo strumento canon (link allo strumento canon)

Questa funzione è disponibile anche come pulsante.

Canonizzare la selezione (3 voci) 

Aggiungi le note che creano un canone a tre voci per le note selezionate (non la selezione della misura). Le note aggiuntive vengono aggiunte alle due tracce successive di numero superiore in modalità Poly.

 Canonizzare la selezione utilizza le impostazioni canon correnti che sono condivise con lo strumento canon (link allo strumento canon)

Questa funzione è disponibile anche come pulsante con il tasto opzione premuto.

Generare Basso per le misure (u)

Questo comando analizza le misure selezionate per rilevare gli accordi che corrispondono alle note esistenti e genera una sequenza di basso a impulsi usando la nota base dell'accordo sulla traccia corrente. La griglia corrente imposta la finestra di analisi e il ritmo del basso. È un punto di partenza che di solito richiede ulteriori modifiche per creare una linea di basso ritmicamente più interessante.

Le tracce che hanno il filtro del pitch attivo vengono prese in considerazione per valutare gli accordi sottostanti. Tipicamente una traccia Drum dovrebbe essere ignorata e impostata su pitch filter off o invisibile.

Generare accordi per le misure (U)

Questo comando analizza le misure selezionate per individuare gli accordi che si avvicinano di più alle note esistenti e genera una traccia di accordi usando le triadi di base sulla traccia corrente. La griglia corrente imposta la finestra di analisi e il ritmo degli accordi.

Le tracce che hanno il filtro del pitch attivo vengono prese in considerazione per valutare gli accordi sottostanti. Tipicamente una traccia Drum dovrebbe essere ignorata e impostata su pitch filter off o invisibile.

Generatore di sequenze... (g)

Il Sequence Generator è uno step-sequencer a 3 tracce che invochi scegliendo questo menu o digitando 'g'. Utilizzerà 3 tracce consecutive della tua sequenza, quindi scegli prima quale è la traccia corrente che definisce il primo strumento e imposta i prossimi 2 strumenti della traccia secondo le tue esigenze.  

Nozioni di baseClicca sul grande dado in alto per iniziare una nuova sequenza polifonica in modo casuale. Puoi poi modificare le chiavi direttamente nei campi delle barre di ogni voce o randomizzare ogni voce individualmente. 

Ogni traccia va in loop indipendentemente con la sua lunghezza. Questa caratteristica ti permette di creare in modo efficiente molti tipi di loop: da tracce di batteria a loop ambientali che richiedono molto tempo per ripetersi (usando grandi numeri primi per la lunghezza delle tracce). In modalità Mono, tutte le note vengono aggiunte alla traccia corrente. In modalità Poly, le tracce vengono aggiunte a tracce consecutive a partire dalla traccia corrente.

Come la finestra principale, il Sequence Generator ha un'area Tooltips in basso al centro della finestra. Muovi il mouse sopra gli strumenti per vedere i loro nomi.

I parametri di impostazione del generatore si trovano nella parte superiore e sinistra della finestra. Le altezze suonate sono determinate dai grafici a barre Notes e Velocities. Il campo Repeats è il numero di ripetizioni della traccia più lunga. Ogni altra traccia viene ripetuta per riempire la durata della traccia più lunga. Le durate delle note per ogni traccia sono impostate dal parametro Tempo Scale. Il numero di note per il loop di ogni traccia è il parametro Steps. Ci sono strumenti utili per mescolare e regolare le note di ogni traccia immediatamente sopra i grafici a barre e a destra delle Velocity.

Note. L'altezza della nota è determinata dall'altezza della barra (più alta è la barra, più alta è la nota) e la velocità (volume) è determinata dall'altezza delle barre di velocità. Dove la velocità è 0, non viene suonata alcuna nota. Le barre delle note sono ombreggiate per indicare la velocità della nota (volume). 

Il pitch range nell'area note è determinato da alcuni fattori. Quando Track Pitch Filter è Off per una traccia (di solito è così per le tracce di batteria), la gamma di tonalità è di 8 ottave per massimizzare il numero di campioni di batteria che possono essere suonati in multi campionatori che hanno i campioni di batteria molto sparsi. Altrimenti, l'area delle note ha una gamma di 4 ottave e sono vincolate alla scala corrente.

Offset della chiave di base e della gamma dell'intonazione. L'impostazione Base Key determina l'intonazione della nota più bassa quando il pitch range non è spostato. Il pitch range può essere spostato in alto o in basso di un'ottava cliccando sui pulsanti di offset +12 (su di un'ottava) o -12.

Il Passi determina il numero di note.

Il Scala del tempo determina la durata delle note. In 4:4, una scala di tempo di 4 è una battuta. Quando Tempo Scale = 1 le note generate sono sedicesimi, a 2 le note sono ottavi, a 8 le note sono mezze note, ecc.

Il Ripete determina il numero di iterazioni del modello più lungo quando la sequenza viene effettivamente generata.

Gli altri pattern sono ripetuti come necessario per riempire quella quantità di tempo. In alcuni casi, una singola ripetizione può essere più breve del numero di misure necessarie per creare un ciclo del pattern complessivo. Per esempio, un pattern composto da 7 note (sulla traccia 1), 11 note (sulla traccia 2) e 15 note (sulla traccia 3) ha una lunghezza complessiva del pattern di 1155 note (7 volte 11 per 15). Tuttavia, una singola ripetizione genererà un pattern di 15 note (poiché questa è la lunghezza della traccia più lunga). La traccia 1 avrà 2 cicli del suo motivo di sette note più una nota in più. La traccia 2 avrà 1 ciclo del suo motivo più altre quattro note. La traccia 3 avrà le 15 note del suo pattern. Per creare un ciclo del pattern complessivo, dovrai inserire 77 (7 * 11) come numero di ripetizioni.

il menu di sintonizzazione xx

Il menu Tuning raccoglie tutte le caratteristiche relative alla rimappatura delle scale, alla tonalità e alle utilità armoniche.

Trovare la tonalità (?)

Questo comando analizza il contenuto delle misure selezionate e suggerisce una o più chiavi (scala e chiave base) più coerenti con le note. Si può scegliere di rimappare tutti i brani alle chiavi selezionate. Quando si lavora su un pezzo multitonale questo comando è particolarmente utile per recuperare la tonalità di una sezione.

Remap Selection to Tonality (=)

Rema le note selezionate alla scala e alla chiave di base correnti. Se non ci sono note selezionate, Remap userà la selezione della misura corrente (a partire da Xx 1.0.2).

Remap Track to Tonality (:)

Remappa le note della traccia corrente (o tutte le tracce in Poly) alla scala e alla chiave di base correnti. Le tracce che hanno il modo impostato su locked o Pitch filter OFF non sono interessate dalla rimappatura.  

Rimappiare le misure alla tonalità ...

Rema la musica all'interno della selezione delle misure a qualsiasi tonalità e chiave base impostata in una finestra di dialogo. Dopo la rimappatura l'accordatura principale è impostata su 12 toni per rimuovere tutti i filtri di accordatura. 

            Questa funzione permette di creare un pezzo multitonale. Fatelo in una fase finale per beneficiare di tutti i filtri di accordatura durante la composizione e l'arrangiamento della musica. Se attivate temporaneamente un'accordatura particolare per modificare una sezione, assicuratevi di NON rimappare la sequenza altrimenti perderete le variazioni di accordatura in altre parti.

Fissare le dissonanze sciolte (h)

Analizza le note selezionate rispetto agli altri brani e regola le note selezionate per eliminare le dissonanze con una regola di consonanza più morbida. La regola permette le settime, le nonne e oltre. Per le note che sono nella stessa ottava e sotto, gli intervalli di seconda (2 semitoni) e semitono sono proibiti.

Rampa originale in C Major e l'effetto di Fissare Dissonanze sciolte. Le linee blu impostano un accordo minore vincolante di 2 note. Notate che la correzione permette terze minori, settime e superiori e il filtro scompare completamente 2 ottave più in alto.

  Fissare le dissonanze duramente (H)

Analizza le note selezionate rispetto alle altre tracce e regola le note selezionate per eliminare le dissonanze con una rigida regola di consonanza (intervalli di 1 o 2 semitoni sono proibiti qualunque sia l'ottava). Se la musica sottostante è già dissonante, la correzione permetterà qualsiasi nota già presente.

 l'effetto di Fissare Dissonanze dure. Si noti che gli intervalli di secondi e semitoni sono fissati ad ogni ottava

    Corrisponde all'accordo

Analizza le note selezionate e le regola in modo che corrispondano alle note più vicine dell'accordo di 3 o 4 note la cui nota fondamentale è suggerita da tutti i contenuti delle tracce. Se è presente solo una nota, questa viene presa come chiave dell'accordo di base. Se non ci sono note fondamentali, l'accordo sarà predefinito alla chiave base corrente. "Match to chord" è ancora più severo di "Fix dissonances hard" e produce risultati musicalmente più piacevoli poiché evita ripetizioni di note (dalla versione 1.02). 

l'effetto di Corrisponde all'accordo. Si noti che le note sono mappate in triadi implicite ad ogni ottava e le note ripetute sono trasposte di un'ottava.

Xx A METASINTO PROGETTO

Xx è stato progettato per essere un compagno di MetaSynth. Puoi usare Xx per creare la tua composizione e poi esportarla in MetaSynth come un montaggio fatto di preset Image Synth ed eventi audio. Puoi anche esportare selezioni da Xx a MetaSynth come preset Image Synth individuali e importare sequenze di Sequencer Room da MetaSynth in Xx. Xx e MetaSynth condividono la stessa architettura strumentale nativa che permette a Xx di usare qualsiasi strumento definito in MetaSynth. Inoltre, è possibile creare nuovi strumenti MetaSynth in Xx.

Tutti i comandi relativi a MetaSynth si trovano nel popup MetaSynth File che si trova nella Upper Toolbar.

Esportare da XX a MetaSynth

La versione CTX di Xx può ora creare un progetto MetaSynth completo dalla tua sequenza. Questo conterrà un montaggio, preset Image Synth e una sequenza. Crea anche cartelle per effetti e risorse, suoni IS, sequenze (viene creato un pacchetto .xx), suoni e spettri. Questo permette alle sequenze di essere aumentate e mixate all'interno di MetaSynth.

La prima volta che suonate il vostro montaggio in MetaSynth, l'applicazione renderà tutti gli strumenti MetaSynth in audio. Se un'unità audio di terze parti è usata per una traccia nella sequenza Xx, questa sarà automaticamente renderizzata in un file quando il progetto viene creato.

Esportare una sequenza Xx nella cartella del progetto MetaSynth
Xx crea una cartella di progetto MetaSynth con tutte le risorse, compresi i rendering opzionali delle tracce.

Un montaggio viene creato quando si esporta in un progetto MetaSynth includendo i preset Image Synth e i rendering audio.

Controllori MIDI con strumenti MetaSynth. 

Gli strumenti MetaSynth hanno alcune capacità in Xx che non hanno in MetaSynth stesso. Molti parametri possono essere controllati da controller MIDI. Questa capacità ti permette di creare alcuni grandi effetti in Xx che non sono possibili in Image Synth o Sequencer Room. Quando esporti un progetto da Xx a MetaSynth, devi rendere come audio tutte le tracce che usano i controller MIDI e usarle come tracce audio nella Montage Room piuttosto che come preset dell'Image Synth poiché i preset dell'Image Synth mancano di queste informazioni sui controller.

Se le tracce dei tuoi strumenti MetaSynth usano controller MIDI, dovrai renderizzarle in audio importandole manualmente nel montaggio, dato che l'Image Synth non conosce i controller MIDI. Per renderizzare una singola traccia, imposta il commutatore poly/mono sulla modalità Mono e clicca sul pulsante Render Sequence.

Questa traccia Drum MultiSampler usa diversi controller MIDI per controllare il MultiSampler. Il controller 73 controlla il tempo di attacco; il controller 3 controlla il tasso di attacco del filtro.

RISOLUZIONE DEI PROBLEMI

Panoramica

Xx è generalmente molto robusto. Ci sono alcuni problemi comunemente riportati che questo documento ti aiuterà a risolvere. Le unità audio che si comportano male possono essere responsabili di alcuni strani comportamenti che potresti non pensare possano essere legati all'unità audio. Se sperimenti un comportamento generalmente strano come instabilità, produzione di suoni strani, problemi con l'uscita audio o altri problemi strani, vedi la sezione Unità audio e risoluzione dei problemi qui sotto.

L'ingresso MIDI non funziona.

Nella versione CTX è necessario selezionare i dispositivi di ingresso MIDI se ne avete più di uno. Questa selezione deve essere fatta nelle preferenze ogni volta che si esegue Xx. È possibile avere più di un dispositivo di input MIDI abilitato. Per abilitare i dispositivi di input, scegliete Preferences dal menu di Xx (scorciatoia: command-comma) e scegliete qualsiasi dispositivo che vorreste usare dal menu popup Set Midi Input Device. Xx può ricevere midi da qualsiasi canale. Assicurati che Xx sia impostato per ascoltare il midi dallo stesso dispositivo che usi.

Le scorciatoie da tastiera non funzionano

Assicuratevi che lo strumento corrente non sia lo strumento di inserimento dei passi che reindirizza i tasti alla funzionalità di inserimento delle note.

La riproduzione audio non riesce o è silenziosa :

O il dispositivo di uscita è sbagliato o il grafico AU è danneggiato. Salva il tuo lavoro e rilancia xx per risolvere il problema. Assicurati di selezionare un dispositivo di uscita e una frequenza di campionamento validi.

L'icona o il comando di menu non hanno effetto:

Molti comandi presuppongono una selezione di note, o se non c'è, una selezione di misure non vuota. Assicurati che il comando abbia qualcosa a cui applicarsi!

Problemi di modelli multi-trasformazione e ripetizione

Alcuni utenti sperimentano quelli che sembrano essere problemi con il comando Multi-Transform a causa di un malinteso su come funziona. Multi-Transform e Repeat Patterns agiscono sulla selezione della misura corrente (intervallo di tempo) piuttosto che sulla selezione della nota. Quando si usano questi comandi, trascinate una selezione temporale nella barra del tempo che si trova sotto l'area dello spartito per specificare l'intervallo di tempo sorgente per le trasformazioni e l'intervallo di tempo per i modelli di ripetizione.

Non selezionare tutto prima di applicare Multi-Transform perché selezionando tutto si crea una selezione molto lunga dell'intervallo di tempo. Seleziona solo l'intervallo di tempo che vuoi trasformare piuttosto che usare Select All e assicurati che ci sia uno spazio vuoto davanti per posizionare le varie trasformazioni.

I Repeat Patterns d'altra parte richiedono una selezione di misure più grande, o addirittura l'intero pezzo. In questo caso basta usare select all che seleziona anche le misure.

Informazioni sull'unità audio

Alcuni utenti hanno riportato problemi che si rivelano essere legati alle unità audio e potreste incontrare problemi che sono causati da un sintetizzatore di unità audio errante. La maggior parte di questi problemi sono causati da unità audio che violano le linee guida di Apple per le unità audio o fanno supposizioni errate sull'ambiente host. Tali unità audio possono funzionare perfettamente in altre applicazioni (nelle quali sono state testate, debuggate e i problemi sono stati compensati), ma si comportano male in Xx.

Ecco alcune cose importanti da sapere sul supporto delle unità audio di Xx:

  •  Limite di 32 unità audio. Per ragioni di performance, Xx carica fino a 16 unità audio synth in ogni categoria (multitimbrale o meno). Se hai queste unità audio, puoi caricarle in un'altra applicazione host (come Rax o il laboratorio AU di Apple, o qualsiasi applicazione che accetti MIDI) e inviarle in MIDI tramite MIDI IAC. Alcune unità audio sono anche dotate di una versione standalone del plug-in a cui è possibile inviare MIDI.
  •  Le unità audio che non hanno un'interfaccia utente AppKit non vengono caricate. Xx CTX è un'applicazione basata su AppKit. La grande maggioranza delle Audio Unit fornisce sia un'interfaccia utente Carbon che AppKit (Cocoa). Se una Audio Unit non ha un'interfaccia utente AppKit, non può essere caricata. Se hai queste unità audio, puoi caricarle in un'altra applicazione host (come Rax o il laboratorio AU di Apple (https://www.apple.com/apple-music/apple-digital-masters/), o qualsiasi app che accetti il MIDI) e inviargli il MIDI tramite MIDI IAC. Alcune Audio Unit hanno anche una versione standalone del plug-in a cui è possibile inviare MIDI.
  •  Compensazione del ritardo delle unità audio. Per impostazione predefinita, Xx assume che le unità audio abbiano una latenza per la quale compensa. L'impostazione predefinita è di 11 tick, poiché abbiamo trovato che questa è un'impostazione generalmente utile. Tuttavia, alcune Audio Unit non si comportano bene quando la compensazione della latenza è abilitata. Se hai delle AU che non rispondono, o hai delle note che si bloccano, prova a impostare il ritardo delle AU a 0.

Risoluzione dei problemi dell'unità audio

Se stai avendo strani problemi o crash all'avvio è probabile che la causa sia un'unità audio. Prova questi suggerimenti per risolvere il problema

  • Per problemi generali, disabilita il caricamento dell'unità audio. Riavvia il tuo computer. Poi cancella il file .prefs nella cartella dell'applicazione Xx - dovrai reinserire il tuo numero di serie quindi tienilo a portata di mano. Questo resetterà le preferenze di Xx a AUs off. Rilancia l'applicazione e vedi se il problema non si verifica più.
  • Identificare le unità audio problematiche. Se disabilitare tutte le unità audio risolve il tuo problema, potresti voler identificare la particolare unità audio (o le unità audio) responsabile. Per fare questo chiudi Xx, poi crea delle cartelle "hider" e sposta le tue unità audio in esse. Poi aggiungile di nuovo una alla volta e rilancia Xx. Vedi le istruzioni di Apple per maggiori dettagli: https://support.apple.com/en-us/HT201532 Abbiamo trovato un'applicazione di terze parti per il sistema operativo AppKit (da MacOS X 10.10 a macOS 12) che può aiutare con questo processo: https://icedaudio.com/site/
  • Se un'unità audio non è disponibile in Xx, è possibile che ci siano più unità audio installate di quelle che Xx può caricare (16 per ogni categoria). La gestione manuale o l'uso dell'applicazione AudioFinder di Iced Audio possono aiutare in questo processo (ci manchi AudioUnitManager per Carbon MacOSX!).
  • Se un synth di un'unità audio non risponde correttamente quando si riproduce una sequenza. Abbiamo scoperto che alcune unità audio non si comportano correttamente quando la correzione della latenza di Xx è attivata. Se il synth della vostra unità audio non suona correttamente le note durante la riproduzione di una sequenza, aprite la finestra delle preferenze di Xx e impostate il ritardo AU a 0. Potreste voler sperimentare le impostazioni di compensazione della latenza. Nel raro caso in cui questo non risolva il problema, potresti voler caricare quel synth in un altro programma host (incluso un host leggero come RAX o l'applicazione AU Lab di Apple - che è disponibile se hai installato gli Apple Developer Tools) e inviare MIDI da Xx all'host usando MIDI IAC (che è facilmente impostabile nell'applicazione Audio MIDI Setup di Apple).
  • L'interfaccia delle unità audio non viene visualizzata correttamente. Alcune (pochissime) unità audio non visualizzano correttamente la loro interfaccia utente quando sono ospitate in Xx. Questo è raro e di solito è il risultato di un bug nel synth dell'unità audio. Ti preghiamo di informarci su qualsiasi unità audio la cui interfaccia non viene visualizzata correttamente.

it_ITItaliano
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: